fbpx
Search for:
cuccomarino, salvatore cuccomarino, dr cuccomarino, dr cuccomarino

Why choose the

Dr. Salvatore Cuccomarino

My educational and professional history

A passion born from childhood

I have always been curious and fascinated by everything around me. I was lucky enough to be born in a small town on the shores of the Ionian Sea, in Calabria. In the 1970s and 1980s in places like that, children could grow up free, not only from the fears that cage kids in big cities at home today, but also - and perhaps above all - from the fake needs that are imposed on us by society today. Back then, being was more important than having.

Learn more

BLOG

Our latest posts
August 31, 2020Colon cancer / laparoscopic colon surgery / laparoscopy / screening / laparoscopic sigmoidectomy / colon cancerColon cancer is among the most frequent cancers in our country, ranking third (after prostate and lung ) in men and even second (after breast) in women. In 2019, new colon cancer diagnoses expected in Italy are 49,000 (27,000 men, 22,000 women). Mortality, thanks in part to screening programs, has been steadily declining for years. Early detection makes it possible to arrive at a high cure rate for this cancer; now genetic tests on blood and stool are beginning to be available that can identify the risk of developing colon cancer very early. This is tato more important as, in recent years, the average age at which colon cancer appears has lowered. Treatment of colon cancer is surgical, and consists of removing the tumor itself then reconstructing the integrity of the colon itself in order to allow stool transit. The colon, from an anatomic-surgical point of view, is divided into regions: cecum, ascending colon, hepatic flexure, transverse colon, splenic flexure, descending colon, sigmoid colon, and rectum; the tumor can affect any of these districts. The clinical manifestations of colon cancer vary depending on which district is affected: cancer of the cecum and ascending colon, for example, is less frequent, more typical of the elderly, and most often manifests with anemia; cancer of the descending colon or sigmoid colon is more frequent and most often presents with symptoms of bowel obstruction and/or rectorrhagia (bleeding from the anus). Today, the gold standard for this surgery is laparoscopic surgery: whereas until a few years ago it was necessary to perform a laparotomy, i.e., a wide cut from the sternum to the pubis, to gain access to the colon, today, the same surgery can be performed through 3-4 small holes in the abdominal wall, and a minimal cut, usually above the pubis, to extract the tumor from the abdomen once it has been removed. Laparoscopic excision of the colon, especially the cecum and ascending colon, is a technically complex operation: this is why many surgeons do not perform it, continuing to make the traditional cut. However, in experienced hands, it ensures a complete removal of the tumor and lymph nodes (possible site of metastasis), very significantly reducing postoperative pain and speeding up the functional recovery of patients and their return to home and their activities: typically, a patient undergoing laparotomic (i.e., traditional cut) removal of colon cancer remains hospitalized 7-10 days, while for a patient whose colon cancer has been removed laparoscopically, the hospital stay is 4-5 days. Laparotomy leaves a large scar and can itself be the cause of disease, typically the formation of a laparocele, which is an abdominal hernia that appears on the laparotomy scar. These are often very large hernias, which can only be repaired once a suitable period of time has elapsed after the tumor has been removed, with surgery that is not infrequently very demanding on the patient-even more complex than the removal of colon cancer. In these cases, the patient's quality of life deteriorates significantly: abdominal pain, back pain, breathing difficulties may appear, as well as all the typical complications of laparocele, such as incarceration and very dangerous stricture. In contrast, the risk of laparocele is almost zero when the patient is operated on laparoscopically. In our Chivasso Hospital, I perform laparoscopic surgery for the removal of colon cancer (both right hemicolectomy, in cases of cancer of the cecum, ascending colon, hepatic flexure, and first portion of the transverse colon that left hemicolectomy, for cancer of the descending colon, sigmoid colon, splenic flexure and second portion of the transverse colon); in particular, I was the first, and currently I am still the only one, to perform right hemicolectomy laparoscopically. For more information, you can reach me by filling out the form below, emailing info@cuccomarinomd.com, sending me a WhatsApp message or calling 01119903768. FOR INFORMATION [...]
March 17, 2020botox / hemorrhoids / internal hemorrhoids / elastic ligation of hemorrhoids / anal fissure / sclerosisHemorrhoids and anal fissures? Treatment very often is outpatient. These are difficult times, we all know. The ongoing epidemic has forced all hospitals to suspend outpatient visits and surgical activity, except in emergencies, to make room for infected patients. However, life goes on for everyone, and the health problems that worried us before continue to worry us now. Not everything can be treated in the outpatient clinic, however, for several proctologic conditions a lot can be done. For example, hemorrhoids and anal fissures can be treated on an outpatient basis: second- and third-degree hemorrhoids with elastic ligation and sclerosis procedures, and anal fissures with topical nitroglycerin and lidocaine treatments and, possibly, after confirming the pressure values of the anal sphincter system with a manometry, with botulinum toxin infiltrations. These are painless, simple and inexpensive methods, which in most cases effectively resolve these bothersome problems. Hemorrhoids and anal fissures do not constitute serious health problems, but they certainly can worsen the quality of life. Treating them on an outpatient basis is possible, it is not dangerous and, in the hands of a good proctologist, it is simple and inexpensive. Therefore, we remain at your disposal at our office in Chivasso, De Medica, Corso Galileo Ferraris 12 F, telephone 01119903768 and in Turin, in the offices of the Pinna Pintor Clinic, Via Amerigo Vespucci 61, telephone 0115802100. To contact us, our Facebook page or the following contact form is also available: [...]
January 6, 2020internal hemorrhoidsTwo lines on the causes of internal hemorrhoids. Obviously, all things (including the human organism) are made to perform a certain function or series of functions, and for this reason they have "limits" of functioning--limits that are determined precisely by how they are constructed and the work they do. Many pathologies abide by this simple rule. The rectum is a kind of container in which stool accumulates to undergo the very last transformations before being eliminated; the anus constitutes the "door to the outside" in this elimination mechanism, and therefore its activity is closely coordinated with that of the rectum. But this is not enough, because the "third actor" participating in the game, namely the feces, must be taken into account. In the rectum, feces are accumulated, further dehydrated and then expelled outward, subject to the opening of the anal sphincters (which are two, one internal and one external). We have already mentioned that hemorrhoids are part of this mechanism, because on the one hand they contribute to the sphincter mechanism, and on the other hand they accompany the feces outward. ALTERATIONS IN STOOL COMPOSITION AND CONSISTENCY ARE ONE OF THE MAIN CAUSES OF INTERNAL HEMORRHOIDS. That is, constipation and diarrhea (both, of course, for prolonged periods of time) are the main culprits of the alterations that lead to hemorrhoidal pathology. Consequently, a DIET POOR IN FIBERS, LACK OF INHABITATION OF LIQUIDS, SEDENTARY LIFE (things that all concur to cause constipation) can cause the onset of hemorrhoidal pathology. And in fact they are its main cause, far more important than diarrhea, since the latter is usually episodic, while constipation, far more often, is chronic. A very important chapter is that of occurrence of hemorrhoidal pathology by INCREASE IN ADDOMINAL PRESSURE. A classic example is PREGNANCY. Increased abdominal pressure causes increased pressure at the rectal level, and therefore also at the hemorrhoidal level, causing all those alterations (rupture of the fibers of the hemorrhoidal pads, elongation and deformation of the hemorrhoidal venous plexuses, etc. etc.) that we have already discussed. Pregnancy is among the causes of internal hemorrhoids as it causes a major increase in abdominal pressure, and even more so does PARTITION. It is very common to see pregnant or postpartum women with massive hemorrhoidal prolapses. These women MUST BE FOLLOWED BY A COLOPROCTOLOGIST, and especially THE SIMPLE USE OF LOCAL MEDICATIONS (POMATES, VASOPROTECTORS, ETC.) IS ALMOST ENTIRELY USELESS IF NOT MONITORED AND/OR ASSOCIATED WITH OTHER PROVISIONS that only the Coloproctologist is able to prescribe. It is not uncommon that, after childbirth, hemorrhoidal prolapses APPARENTLY disappear: but in reality the machine has been set in motion, and in the end, in women, pregnancy is probably the most important cause of hemorrhoidal pathology. There is also, among the vcauses of internal hemorrhoids, a FAMILY PREDICTION to the development of the disease: as is the case with leg varices, those who have one or both parents who have suffered from hemorrhoids have a higher risk of developing the disease. This is for complex reasons of biochemical alterations in the tissues that make up the vessel walls of the hemorrhoid pads, a subject too specialized to be of interest: suffice it to know that it exists... so, going back to what was said at the beginning, if the machine is built badly, sooner or later it will stop working properly. Contact us info@cuccomarinomd.com 0110438161 via Amerigo Vespucci 61Casa di Cura Pinna PintorTorino, TO Italy [...]
December 31, 2019internal hemorrhoidsIt's true!!! we all have them!!! People often confuse pathology with normal anatomy. Hemorrhoids are, indeed, normal, even quite complex, anatomical structures that we all possess and that play a fundamental role in anorectal physiology, particularly in the physiology of defecation. What are hemorrhoids? The popular vulgate, often fed even by us doctors, is that they are VEINS. NOT SO. What, then, are hemorrhoids? They are actually functional complexes consisting of arteries, capillaries, veins, connective and muscle fibers, and mucosa. Conventionally, we say that there are three main hemorrhoid plexuses (which I, following the Spanish school, call right anterior, right posterior and left lateral; others, especially in Italy, enumerate them according to a "clockwise" criterion: "at one o'clock - at five o'clock - at nine o'clock"; to me that seems a tad farfetched...) - although in reality, situated between the main ones, there are also ACCESSORIES, smaller but equally important plexuses. What are hemorrhoids for and how do they work? Once we understand what hemorrhoids are, let's explain what they are for. Each hemorrhoid plexus is made up of a series of ARTERO-VENOSIC SHUNTS, i.e., veins and arteries that join together and form veritable VASCULAR CUSHIONS, the size of which can vary depending on the amount of blood they contain-which is, in turn, determined by arterial inflow and venous outflow in the "pads." These pads are covered by the mucous membrane of the last part of the rectum, and are, shall we say, "held in place" by a complex of connective and muscular fibers that ensure, moreover, their elasticity - and thus their ability to fill and empty with blood; in short, ultimately, VOLUME. Thanks to their PLASTICITY, the hemorrhoid pads are able to perform their functions perfectly: which are to ACCOMPANY the feces toward their elimination, preventing the passage into the last part of the anorectal canal from being painful, and to PERFECT THE CLOSURE of the mouth of the anal canal, thus participating in the sphincter mechanisms of the anus. Alas, when the magnificent and complex fibrous scaffolding of the hemorrhoids becomes altered (and we shall see the reasons for this another time) the problems begin... The connective and muscular fibers that constitute the support for the veins and arteries in the hemorrhoid pads can undergo alterations, which eventually cause them to stretch and/or rupture. The venous structures that constitute the hemorrhoids then begin to "slide" downward, which causes them to become truly "deformed" (especially at the expense of the veins, which have, in contrast to the arteries, very little elasticity): the end result of this "degenerative" process (which, however, generally takes YEARS to develop) is HEMORROID PROLASSE. The consequences, clinically speaking, are obvious: that valuable mechanism of accompanying feces and closing the anus that was regulated by the hemorrhoids is broken; in addition, the elongated and deformed veins become more fragile, dilate and can no longer empty. BLOODING (generally not painful) is the most frequent manifestation of hemorrhoidal pathology; the blood is "bright red," precisely because of its arterial origin, and may be noticed on toilet paper or, less frequently, in the toilet. Alteration of the sphincter mechanism may result in filtration of fecal matter, especially liquid, which causes IRRITATION and ANAL PRURITATION; finally, in the most important cases, there may be SOILING (i.e., minor fecal incontinence) or even STIPSI (the so-called "obstructed defecation syndrome"... a very complicated thing); not to mention the actual PROLAPSE, i.e., the outflow from the anus of a "mucous cylinder," consisting of the rectal mucosa, which sometimes no longer re-enters, which can ulcerate and bleed, and which for patients (who are often elderly, and therefore struggling with a thousand other conditions) is a huge problem. Well, now we understand what hemorrhoids are, what they are for, and how they work. In a future article, we will see why they, from the normal structures that they are, turn into pathological entities. Stay tuned! info@cuccomarinomd.com 0110438161 Via Amerigo Vespucci 61Torino, TO 10141Italy [...]
October 7, 2019Pain after inguinal hernia surgery / chronic inguinal pain / hernia and laparoscopic surgery / inguinal herniaSembra incredibile, ma anche nell’era della comunicazione istantanea, dove la conoscenza scientifica puó essere trasmessa e condivisa in tempo reale, molti Chirurghi affermano che il problema del dolore dopo un intervento per ernia inguinale non esiste, e che non ricordano di aver avuto, nè di avere curato, nessun paziente con questo tipo di problema. Tuttavia, la Letteratura ci rivela che nei Centri dove non esiste un’équipe dedicata alla chirurgia della parete addominale il dolore e il bruciore dopo un intervento per ernia inguinale esistono eccome, interessando, in casi estremi, anche il 60% dei pazienti operati. Più realisticamente. Il dolore inguinale cronico dopo un intervento di ernioplastica inguinale può presentarsi in circa il 20% dei pazienti, superando in prevalenza le recidive erniarie, che invece si verificano nel 3,3-10% dei casi1. Ma di cosa stiamo parlando, esattamente? Il dolore dopo intervento per ernia inguinale, o dolore inguinale cronico, è quel dolore che consegue ad un intervento chirurgico per ernia inguinale; è dovuto ad una lesione nervosa e dev’essere presente almeno 3 mesi dopo l’intervento e persistente per almeno 6 mesi. Può essere causato, tra le altre cose, da reazioni infiammatorie del periostio del pube (il periostio é una sottile e robusta membrana che riveste le ossa; il dolore in questo caso puó essere per esempio scatenato dal cosiddetto “punto sul pube” che tanto piace ai chirurghi non specialmente dedicati alla chirurgia erniaria, e che ormai da anni è assolutamente proscritto dai chirurghi di parete), da lesioni nervose occorse durante l’intervento, dall’intrappolamento di rami nervosi della regione inguinale in punti di fissaggio della rete (per questo noi prediligiamo la tecnica di Trabucco, che non necessita di punti sulla rete), da “perforazioni” di rami nervosi dovute all’uso di tacks (le tacks sono delle clips, in genere riassorbibili, che possono essere usate in laparoscopia per fissare le reti; anche se i chirurghi di parete ben sanno che, per esempio, nella plastica dell’ernia inguinale in laparoscopia non è necessario fissare la rete…) o dall’inclusione di rami nervosi nei “meshomi” (“mesh” = rete), lesioni granulomatose provocate dalla reazione infiammatoria dei tessuti del paziente verso la rete impiantata (normalmente in caso di reti pesanti o non bene distese; ecco perchè i chirurghi di parete, ben consci di questo problema, cercano ogni volta che possono di usare reti leggere). Il dolore dopo intervento per ernia inguinale può associarsi a parestesie (ossia ad una sensibilità cutanea “diversa” da quella normale), ipoestesie (ovvero riduzioni della sensibilità cutanea) ed iperestesie (cioè ad un cospicuo aumento della sensibilità cutanea), e irradiarsi verso lo scroto, le grandi labbra e il triangolo di Scarpa (la radice della coscia). I sintomi possono essere scatenati, o aggravati, da determinate posizioni, come l’iperestensione della coscia, o attività, come il camminare; e a volte possono diminuire con la flessione della coscia o da sdraiati. In seguito ad un intervento per ernia inguinale, il dolore dopo mesi dalla chirurgia è quindi definibile come dolore inguinale cronico; e il dolore inguinale cronico può  provocare delle modificazioni nel sistema nervoso centrale che contribuiscono alla sua persistenza ed al suo aggravamento. La conseguenza è la comparsa di due condizioni che sono tipiche del dolore inguinale cronico: l’iperalgesia (risposta esagerata a stimoli dolorosi) e l’alodinia (dolore scatenato da stimoli che normalmente non provocherebbero alcuna risposta dolorosa). Per questo, è importante trattare il dolore postoperatorio dell’ernia inguinale prima che si cronicizzi, dal momento che la sua cronicizzazione implica delle modifiche plastiche nei centri cerebrali del dolore: un trattamento precoce, invece, può evitare che tali modifiche si realizzino. Dolore dopo intervento per ernia inguinale: come si cura? Il trattamento iniziale del dolore dopo intervento per ernia inguinale è medico; solo in un secondo tempo si ricorre alla chirurgia. La prima tappa, fondamentale, del trattamento del dolore e del bruciore dopo intervento per ernia inguinale è quella di disegnare una mappa cutanea del dolore stesso, come nella figura accanto. A paziente sdraiato, si provocano degli stimoli tattili nella regione inguinale interessata dal dolore: a seconda del tipo di sensazione riferita dal paziente (dolore, ipoestesia, normoestesia, iperestesia…) si traccia un cerchietto o una crocetta di diverso colore nei vari punti stimolati. Alla fine si otterrá una mappa come quella qui accanto, che consentirá al chirurgo di sapere qual é il nervo lesionato che provoca il dolore. Il chirurgo prescriverá quindi dei medicamenti topici o da assumere per via orale, secondo uno schema ben preciso e validato: se, al termine del periodo di trattamento, non si riscontreranno soddisfacenti miglioramenti, il Chirurgo proporrá l’intervento chirurgico. L’intervento per il trattammento del dolore inguinale cronico consiste nella tripla neurectomia, ossia nell’asportazione dei rami nervosi che provocano la comparsa del dolore stesso. Questo intervento puó essere effettuato per via tradizionale, rioperando la regione inguinale (col rischio, peró, dati i processi infiammatori e cicatriziali conseguenti all’intervento di riparazione dell’ernia, che i rami nervosi siano molto difficili da identificare), che per via laparoscopica, con una tecnica estremamente raffinata. Il nostro gruppo predilige questa seconda via, anche se a volte puó essere necessario ricorrere ad una tecnica mista, sia aperta che laparoscopica, per portare a termine in maniera soddisfacente l’intervento. In conclusione, quando un Chirurgo tratta una persona con dolore inguinale cronico deve, prima di tutto, tornare ad essere Medico; e non un Medico qualsiasi, ma il miglior Medico possibile per il suo “paziente. Alla fine, solo alla fine, deve vestire di nuovo i panni del Chirurgo; e non di uno qualsiasi, ma del miglior Chirurgo Specialista possibile. Soffri di dolore inguinale cronico conseguente ad un intervento per ernia inguinale? Contattaci! 1. K.-J. Lundström H. Holmberg A. Montgomery P. Nordin. Patient-reported rates of chronic pain and recurrence after groin hernia repair. Br J Surg. 2018;105(1):106-112   Vuoi contattarci? Usa il modulo che segue!   [...]
July 31, 2019abdominal diastasis laparoscopic surgery / diastasis of the rectus muscles / diastasis of the rectus muscles of the abdomen / laparoceleTutti i Chirurghi che si occupano di parete addominale hanno un obbiettivo primario da raggiungere nei loro interventi: quello di ottenere la cosiddetta riparazione “tension-free”, ossia una riparazione in cui i mezzi utilizzati per riparare il difetto della parete – le suture, le protesi…- non siano sotto tensione. Non esiste un chiaro accordo nella comunità chirurgica internazionale su cosa sia la “tensione”. Tuttavia, sembra che almeno due fattori giochino un ruolo importante nella determinazione della tensione: l’aumento della pressione all’interno dell’addome e le cosiddette “forze distrattive” della parete addominale, cioè quelle che tendono a aumentare il diametro del difetto di parete, sia esso un’ernia, un laparocele od una diastasi dei retti. Per bilanciare l’effetto di queste forze “tensiogene”, il Chirurgo ha a disposizione diverse armi che utilizza in base alla sua esperienza ed alle sue capacità: da quelle più classiche, come le tecniche di separazione dei componenti o l’uso di protesi di grandi dimensioni, ad altre più moderne, come l’uso preoperatorio di tecniche adiuvanti come la tossina botulinica A ed il pneumoperitoneo progressivo preoperatorio. Dalla parte del Chirurgo vi sono poi dei fattori “biologici”, come la capacità dell’organismo di “integrare” (ovvero di far diventare parte di se stesso) le protesi usate: quest’ultima capacità, tuttavia, dipende anche dal materiale di cui è composta la protesi, e dalla posizione in cui essa viene collocata. Oggi sappiamo, ad esempio, che bisognerebbe il più possibile evitare di posizionare una rete all’interno del peritoneo, a contatto con i visceri addominali, per i danni che essa può provocare a questi ultimi; e che comunque, anche posizionando una protesi intraperitoneale, il difetto di parete andrebbe sempre prima suturato. Quest’ultima indicazione – la cosiddetta tecnica IPOM PLUS – purtroppo è seguita oggi da pochissimi chirurghi in Italia, in quanto la chirurgia della parete addominale non è ancora considerata una specialità autonoma e sono rarissimi i Professionisti che hanno una specifica formazione in tal senso. Vi sono poi dei fattori “lato paziente” che influiscono in maniera sensibile sulla tensione della riparazione: il più importante è l’obesità – e difatti nessun Chirurgo di parete opererebbe (a meno che non si tratti di situazioni di emergenza) un paziente obeso senza prima avergli fatto perdere peso, ricorrendo anche, se necessario, alla chirurgia bariatrica. Estremamente importanti ed interessanti dal punto di vista della tecnica chirurgica sono le forze “distrattive”. Quando si forma un difetto della parete addominale, soprattutto se si tratta di un’ernia postchirurgica (conosciuta anche come ernia incisionale o laparocele) o di una diastasi dei retti, i tre muscoli laterali dell’addome (obliquo esterno, obliquo interno e trasverso) perdono una delle loro inserzioni, quella mediale, sulla fascia dei muscoli retti dell’addome; col tempo i muscoli vanno incontro a fibrosi, si accorciano, si ispessiscono e perdono, almeno in parte, le loro capacità elastiche. Quando si arriva all’intervento chirurgico, tali profondi cambiamenti strutturali dei muscoli sono una delle principali cause di tensione della riparazione, soprattutto se il difetto è grande. Ciò spiega perchè se si riparano i difetti della parete addominale, e soprattutto un’ernia incisionale o laparocele, od anche una grande diastasi dei retti, con una semplice sutura e senza utilizzare le protesi, le recidive, a 10 anni dalla chirurgia, arrivano fino al 50% dei casi. Il laparocele è sempre conseguente ad una laparotomia, ossia ad un intervento chirurgico che preveda l’incisione della parete addominale (ad esempio, dopo un intervento di asportazione della colecisti, dell’appendice, di un tumore intestinale per via aperta, dell’asportazione dell’utero eccetera) ed è frequente nei pazienti sottoposti ad intervento per tumore. Noi sappiamo che se, al momento della chiusura della laparotomia, utilizziamo una rete “profilattica” (ossia una rete impiantata con lo scopo di ridurre la probabilità che si formi un laparocele), l’incidenza del laparocele stesso, a 10 anni, precipita al 5-10%. La rete “profilattica è normalmente molto più piccola rispetto a quelle che si usano nella riparazione dei laparoceli: questo perchè al momento della chiusura di una laparotomia i muscoli sono molto più elastici di quelli di di un paziente con laparocele, e possono essere facilmente avvicinati tra loro. Da questa osservazione, semplice ma importante, è nata un’idea altrettanto semplice: se si riuscisse a restituire ai muscoli dei pazienti con un grande difetto della parete addominale – un laparocele, ad esempio, come si è detto; ma anche una grande diastasi dei retti con diametro superiore ad 8 cm – la lunghezza e l’elasticità originarie, la tensione delle suture al momento della riparazione del laparocele si ridurrebbe moltissimo, e di conseguenza si ridurrebbe il rischio di recidiva. Questa idea è stata applicata per la prima volta alla chirurgia dei laparoceli da un geniale chirurgo messicano, il Dr. Tomás Ibarra Hurtado, nel 2007. Il Dr. Ibarra Hurtado ha pensato che la tossina botulinica A, farmaco molto usato tanto in neurologia (ad esempio per il trattamento degli spasmi muscolari del viso), che in chirurgia plastica (per il trattamento delle rughe del volto), che in proctologia (per il trattamento delle ragadi anali), iniettata nei muscoli della parete addominale prima di un intervento per laparocele, poteva provocare un rilassamento di quei muscoli: a questo punto, la pressione esercitata su tali muscoli dai visceri contenuti all’interno dell’addome avrebbe provocato un loro allungamento. Questa ipotesi è stata confermata mediante studi TAC effettuati a 2-4 settimane di somministrazione della tossina: nei pazienti sottoposti a tale trattamento, tutti portatori di grandi laparoceli, i muscoli laterali dell’addome risultavano effettivamente allungati ed assottigliati in maniera significativa. Ciò permette di avvicinare molto più facilmente tra loro i muscoli  e quindi di riparare il difetto senza tensione. La tecnica del Dr. Ibarra Hurtado è oggi ampiamente diffusa in tutto il mondo, ed utilizzata dai più importanti chirurghi specializzati nella riparazione della parete addominale. In Italia, tuttavia, il nostro gruppo – io ho appreso la tecnica direttamente dal dr. Ibarra, nell’ambito di uno splendido seminario da lui tenuto nel 2018 a Madrid durante il congresso della Sociedad Hispano-Americana de Hernia – è l’unico ad utilizzare la tossina botulinica A nelle ricostruzioni dei grandi difetti di parete. L’effetto della tossina botulinica A persiste per circa 3 mesi; in questo arco di tempo, i processi riparativi dei tessuti e l’integrazione della protesi progrediscono a tal punto che, cessato l’effetto della tossina, la solidità della riparazione non è più a rischio. L’uso della tossina botulinica A nella chirurgia dei grandi difetti di parete ha confermato che il principale fattore di rischio per le recidive dei laparoceli e degli altri grandi difetti della parete addominale (come ad esempio le grandi diastasi dei retti, con diametro superiore a 8 cm) è proprio la tensione delle suture. Il suo utilizzo, insieme con altre strategie preoperatorie di preparazione ed ottimizzazione dell’intervento (ad esempio la perdita di peso, la cessazione del fumo, il controllo del diabete eccetera) consente di ridurre in maniera significativa le recidive ed il dolore postoperatorio e di utilizzare reti di dimensioni più ridotte. Nel nostro Paese, il Sistema Sanitario Nazionale non riconosce l’utilizzo della tossina botulinica A per la chirurgia della parete addominale; pertanto, come già detto, il suo uso è praticamente sconosciuto.     Contattaci [...]
February 4, 2019Anal pain / anal fissure / botulinum toxinIl dolore anale e’ una delle cause piu’ frequenti che spingono i pazienti a sottoporsi a visita proctologica; e la ragade anale e’ la causa piu’ frequente di dolore anale. La ragade anale è una piccola lacerazione della pelle che riveste il canale anale. Si tratta di una condizione abbastanza comune, però spesso confusa con altre patologie che possono causare dolore anale e sanguinamento, prime fra tutte le emorroidi (anche se queste ultime, almeno negli stadi iniziali, difficilmente provocano dolore). I sintomi tipici della ragade anale comprendono il dolore anale durante e/o dopo la defecazione ed il sanguinamento. Tipicamente, il dolore è molto intenso, resistente alle comuni terapie analgesiche, inizia con la defecazione e perdura per ore. Non è raro che i pazienti tentino di evitare di andare di corpo a causa della gravità del dolore, in questa maniera alimentando un circolo vizioso che causa un peggioramento della sintomatologia (dolore intenso -> il paziente si trattiene dall’andare di corpo -> la stitichezza si aggrava, le feci si disidratano e si formano dei fecalomi -> alla successiva defecazione il dolore aumenta di intensita’). Nella maggioranza dei casi la ragade è caratterizzata da un aumento della pressione dello sfintere anale interno. Anche in questo caso si realizza un circolo vizioso: il dolore anale provoca una ulteriore contrazione dello sfintere, che a sua volta causa una diminuzione dell’afflusso di sangue nell’area della ragade, il che impedisce a questa di cicatrizzare. La ragade anale ha normalmente un’origine traumatica, essendo provocata da qualsiasi cosa possa lacerare od irritare la cute che riveste il canale anale. La causa più tipica è la stitichezza. Possono essere acute, croniche e recidivanti; queste ultime a volte sono associate con un piccolo nodulo esterno chiamato polipo sentinella. La diagnosi viene posta sulla base della storia clinica e dell’ispezione; normalmente la ragade si localizza sulla linea media posteriore del canale anale, meno frequentemente sull’anteriore e raramente altrove. Ausilio diagnostico strumentale fondamentale è la manometria anale, che consente di distinguere i casi con ipertono sfinteriale da quelli, molto meno frequenti, in cui la pressione dello sfintere anale è normale.  Il trattamento della ragade anale Nella maggioranza dei casi, semplicemente trattando la stipsi si può ottenere la cicatrizzazione della ragade. La terapia delle ragadi acute in quasi il 90% dei casi è data da provvedimenti igienici generali e da medicazioni locali: una dieta ricca in frutta e verdura, l’assunzione di supplementi farmacologici ad alto contenuto in fibre, di speciali lubrificanti delle feci come l’olio di vaselina e di liquidi, insieme con un’adeguata attività física, aiutano a curare la stitichezza, promuovono la motilità intestinale e favoriscono la cicatrizzazione della ragade. Bagni in acqua tiepida, della durata di 10-20 minuti e ripetuti varie volte al giorno dopo le defecazioni e prima di coricarsi la sera, favoriscono il rilassamento della muscolatura anale e contribuiscono alla cicatrizzazione della ferita. Un’adeguata terapia locale, a base di nitroglicerina ed anestetici locali, provoca la detensione dello sfintere anale e lenisce il dolore anale; ciò migliora la vascolarizzazione della ragade e ne promuove la cicatrizzazione. Buoni risultati danno anche i dilatatori anali, tuttavia non sempre tollerati dai pazienti. La tossina botulinica nel trattamento della ragade anale Negli ultimi anni, l’uso della tossina botulinica iniettato a livello dell’area sfinteriale ha condotto ad ottimi risultati. La tossina botulinica è una neurotossina di natura proteica prodotta da un batterio, il Clostridium botulinum. Esistono sette tipi di tossina botulinica, contrassegnati con lettere dalla A alla G. La tossina botulinica di tipo A è da decenni usata in cinica per il trattamento degli spasmi e delle distonie, tra cui la distonia cervicale o torcicollo spastico, il blefarospasmo, l’iperidrosi ascellare primitiva severa, lo strabismo. In medicina estetica, la tossina botulinica è ampiamente usata per il trattamento delle rughe del volto e del collo. L’uso della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale è stato riportato per la prima volta nel 1993 da W. Jost e coll. Da allora, gli studi sull’efficacia, tanto dal punto di vista del costo globale, che del risultato, che delle complicanze post-trattamento rispetto alla terapia medica locale con sostanze come la nitroglicerina di cui ho parlato prima ed alla chirurgia si sono moltiplicati, ed hanno condotto alcuni Autori ad affermare che l’introduzione della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale è paragonabile all’introduzione della laparoscopia in chirurgia. I dati principali possono essere così riassunti: l’efficacia del trattamento è dose-dipendente e sede-dipendente (ad un lato, od ad entrambi i lati, della ragade, od in linea media anteriore, tenendo conto che la maggioranza delle ragadi si manifesta in linea media posteriore), anche se, a tutt’oggi, non esiste un consenso unanime sulla sede e sulla dose dell’iniezione; la sfinterotomia resta il gold standard per il trattamento della ragade a lungo termine (75,4% di cicatrizzazione della ragade con la tossina botulinica a 12 mesi contro il 94% della sfinterotomia); tuttavia, la sfinterotomia è gravata da una percentuale di complicanze gravi significativamente molto superiore rispetto al trattamento con tossina botulinica; in un recente studio, l’utilizzo della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale ha mostrato un’efficacia superiore in termini di sicurezza rispetto alla sfinterotomia anale interna; il trattamento con tossina botulinica è ben tollerato, si esegue ambulatorialmente, è molto efficace ed ha un’incidenza di complicanze molto contenuta; è probabilmente più indicato nei pazienti anziani, con maggior rischio di sviluppare una incontinenza anale se sottoposti a sfinterotomia, mentre l’intervento chirurgico resta l’opzione migliore nei giovani adulti con buon tono sfinteriale. Nonostante ciò, e nonostante la mole di dati che nel tempo hanno dimostrato l’efficacia e la sicurezza della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale, tale indicazione è a tutt’oggi off-label, ed il trattamento non è disponibile negli ospedali del Servizio Sanitario Nazionale.Il trattamento chirurgico della ragade anale, molto efficace e gravato da una bassa percentuale di recidive, consiste nella sfinterotomia laterale interna, ovvero nell’incisione di una piccola parte del muscolo sfintere interno dell’ano. È un’intervento generalmente molto gradito dal paziente, che vede scomparire il suo dolore anale dall’oggi al domani. La maggioranza dei pazienti arriva a sostenere che gli stessi, normali dolori postoperatori sono assolutamente trascurabili rispetto alla sofferenza inflitta fino a quel momento dalla ragade. Alla chirurgia possono conseguire, in una minima percentuale di casi, una modesta incontinenza ai gas e, molto più raramente, alle feci, che normalmente scompaiono via via che la ferita chirurgica guarisce. E’ abbastanza eccezionale che, se l’intervento è eseguito correttamente, una eventuale incontinenza alle feci non regredisca nel postoperatorio e si cronicizzi. La ragade anale recidiva Purtroppo, le ragadi recidivano frequentemente, ed in genere è sempre la stitichezza la causa principale. Per questo, una volta che la ragade è cicatrizzata ed il dolore è scomparso, lo sforzo dev’essere teso a mantenere soffici e ben lubrificate le feci, assumendo con l’alimentazione un’adeguata quantità di frutta, verdura e liquidi e, se necessario, continuando ad utilizzare supplementi alimentari di fibra e l’olio di vaselina. E se la terapia farmacologica non funziona? In questi casi, una rivalutazione coloproctologica è obbligatoria. Le cause di dolore anale sono numerose, per cui è fondamentale il processo diagnostico differenziale. Tra di esse, oltre la ragade anale, vale la pena ricordare: fistola anorettale coccigodinia (dolore del coccige senza cause apparenti) emorroidi esterne trombizzate sindrome dell’elevatore dell’ano ascesso perianale ematoma perianale sindrome dell’ulcera rettale solitaria colite ulcerosa neoplasie anali sesso anale Una volta assicurata l’assenza di tali condizioni e confermata la presenza della ragade ed, alla manometria, di un aumento della pressione dello sfintere anale, i pazienti con ragadi che non vanno incontro a guarigione possono essere presi in considerazione per l’indicazione al trattamento chirurgico. [...]
January 14, 2019Inguinal hernia / laparoscopic inguinal hernia / recurrent inguinal herniaLa chirurgia laparoscopica dell’ernia inguinale  Quando, dopo aver fatto diagnosi, propongo a un paziente di operare la sua ernia inguinale laparoscopia, è naturale che mi bombardi di domande. In effetti, le ernie inguinali possono essere operate in anestesia locale, con tecniche relativamente semplici, ampiamente standardizzate e molto efficaci. Ci sono tuttavia molte considerazioni a vantaggio della riparazione dell’ernia inguinale in laparoscopia, che tracciano la strada nella scelta della tecnica. La prima viene da molto lontano; dal 1647 addirittura, anno in cui il fisico e matematico francese Blaise Pascal scoprì la sua famosa legge. Nel suo esperimento, Pascal introdusse un tubo lungo 10 metri in una botte piena d’acqua, riempiendo quindi d’acqua anche il tubo: il risultato fu che la pressione dentro la botte aumentò così tanto da romperla. Applicata alla chirurgia dell’ernia, la legge di Pascal ci dice che quando la rete che usiamo per la riparazione di un’ernia viene appoggiata sulla superficie interna dell’area del difetto erniario, è la stessa pressione presente all’interno dell’addome che la fissa alla parete addominale; mentre se la appoggiamo sulla superficie esterna, la pressione tende a farla staccare. Quindi operare un’ernia inguinale in laparoscopia significa realizzare un intervento in cui la riparazione è più stabile di quella fatta “dal di fuori”. E questo è un motivo molto, molto valido per proporre l’intervento di riparazione dell’ ernia inguinale in laparoscopia. Altro motivo importante è che operando un’ernia inguinale in laparoscopia riusciamo a diagnosticare l’eventuale presenza di altri difetti di parete, spesso presenti in questi pazienti e non ricercati o non visti da chi visita – come, per esempio, un’ernia ombelicale o un’ernia inguinale controlaterale, cioè dall’altro lato, un’ernia crurale – e ripararli nel corso dello stesso intervento. Terzo motivo, altrettanto centrale: l’intervento di ernia inguinale in laparoscopia causa molto meno dolore postoperatorio rispetto all’intervento eseguito per via tradizionale. Oltretutto, molti (la maggior parte) dei chirurghi che operano per via aperta hanno l’abitudine di utilizzare dei “plugs”, ossia delle specie di “tappi” di materiale plastico che vengono inseriti nell’anello inguinale interno allo scopo di ridurne le dimensioni. Pessima abitudine, perché questi plug hanno la sgradevole tendenza a migrare, finendo spesso dentro la cavità addominale e provocando aderenze con le anse intestinali che, nei casi più gravi, possono finire lesionate da queste masserelle di plastica, fino alla perforazione intestinale. Nella fotografia qui sopra, ecco cosa abbiamo trovato in uno dei nostri ultimi interventi: un plug che era entrato in cavità addominale, provocando gravi aderenze con grasso peritoneale ed anse intestinali. E non era la prima volta. Ricordate: se state per essere operati per un’ernia inguinale, chiedete al Chirurgo se intende utilizzare un plug; se vi dice di sì, pensateci! Quindi, riassumendo: ERNIA INGUINALE LAPAROSCOPICA:Migliore riparazione del difetto erniario, con reti più grandi e con tenuta ottimalePossibilità di diagnosticare e riparare nel corso dell’intervento altre ernie sfuggite alla diagnosiMeno dolore postoperatorio Ecco i motivi – e non sono pochi! – per proporre l’intervento di riparazione laparoscopica dell’ernia inguinale. A questo aggiungete che, ormai da anni, la comunità scientifica dei Chirurghi che si occupano di parete addominale, ha stabilito che la chirurgia dell’ ernia inguinale in laparoscopia rappresenta il “gold standard” per il trattamento di questa frequente, fastidiosa ed a volte gravissima patologia. Tuttavia, seguendo probabilmente delle abitudini radicate che fanno dell’intervento di ernioplastica inguinale per via aperta una chirurgia che può eseguire qualsiasi chirurgo, anche chi non sia particolarmente specializzato nella chirurgia della parete addominale, ed anche perché l’intervento per ernia inguinale in laparoscopia non è affatto semplice, ma prevede una lunga e faticosa curva di apprendimento, oggi  la stragrande maggioranza dei chirurghi non si cimenta con la chirurgia laparoscopica dell’ ernia inguinale. Ovviamente, con grave pregiudizio del paziente. La chirurgia laparoscopica dell’ernia inguinale nel mio Centro Da anni sto lavorando per far diventare il mio Centro, la Clinica Santa Caterina da Siena di Torino, un Centro di eccellenza per la cura delle patologie della parete addominale, insistendo particolarmente sulla chirurgia laparoscopica mininvasiva. Ho introdotto, primo in Europa, la chirurgia della diastasi dei muscoli retti dell’addome in endoscopia (di cui detengo oggi la più grande casistica al mondo) e, per primo al mondo, la chirurgia dei grandi laparoceli per via endoscopica, con una tecnica originale derivata dalla tecnica di Carbonell-Bonafé, anche con preparazione preoperatoria con tossina botulinica e pneumoperitoneo progressivo per la ricostruzione dello spazio nella cavità addominale (tecniche ben conosciute e molto usate all’estero, ma praticamente ignote in Italia; anche in questo, scusatemi la poca modestia, sono arrivato per primo…). Continuando nel percorso di offrire al paziente le migliori scelte terapeutiche possibili, ed in linea con le raccomandazioni internazionali, ho deciso di proporre la riparazione dell’ ernia inguinale per via laparoscopia a tutti i miei pazienti. Operativamente, per il paziente ciò comporta un’anestesia generale invece della locale, ed una notte di ricovero. Come avviene l’intervento? Potete dare un’occhiata al video che segue per capire quali siano i passi chirurgici fondamentali per la riparazione dell’ernia inguinale in laparoscopia. Come fare per essere arruolati per questo intervento? Basta fissare un appuntamento od un videoconsulto. Altrimenti, potete contattarmi con il modulo che segue: Quello che i nostri pazienti pensano di noi è molto più importante di quanto noi diciamo.   [...]
June 10, 2018waiting times in the NHSWaiting times in the NHS, in recent years, unfortunately, have expanded enormously. The continuous spending cuts, the interest focused only on a few pathologies-no doubt important, but not the only ones and perhaps nealso the most frequent-the failure, for economic reasons, to renew operating room equipment and principals, and the scarce opportunities for physicians to keep up to date, often crushed by very heavy shifts due to the blocking of turnover -- again for economic reasons -- of health personnel in public hospitals, mean that many patients have to wait many months if not years to undergo surgery -- for example, for pathologies that are undoubtedly benign, but which often seriously interfere with the daily life of the sufferer. I am talking especially about proctologic conditions, such as hemorrhoids, anal fissures, and anal fistulas, and abdominal wall conditions - inguinal, umbilical, and epigastric hernias, diastasis of the rectus abdominis muscles. Conditions that often afflict young, busy patients, interfering with their well-being, their daily commitments, and their serenity. Today, many people, in order to obviate the intolerable increase in waiting times in our country's NHS, resort to integrative health care, taking out insurance that allows them to deal with their health problems without worry and in the right timeframe. For those who should not yet have access to these forms of insurance, which are actually the future for health protection in our country, our group has agreed with primary clinics in Turin on surgical service packages, which allow them to face surgery for hemorrhoids, anal fissure, perianal fistula, inguinal and umbilical hernia at a low cost and installment, if desired. All this using the most modern and minimally invasive techniques: for example, for the treatment of hemorrhoids up to grade III, the HPS (HemorPex System) technique, which allows for a great deal of postoperative pain containment and discharge the patient the same day of surgery, with a rapid return to his life and normal activities For more information or to request a quote, email us at info@cuccomarinomd.com or contact us through our socials or the contact form below. [...]
March 14, 2018Conventions with health insurance companiesOur Team's portfolio of agreements with health insurers is being enriched. Thanks to recent agreements with the prestigious Casa di Cura Fornaca di Sessant in Turin, which complement those already active for some time with Casa di Cura Pinna Pintor (Policlinico di Monza group), we are now able to offer our patients a very wide range of conventions with health insurances, which is complemented by the possibility, at Casa di Cura Fornaca di Sessant, to installment the costs of surgical procedures according to formulas convenient for the patient. Here is the list of agreements with health insurances (those exclusive to Casa di Cura Pinna Pintor are indicated with *): AGA* Allianz Worldwide Partners AON Hewitt Assirete Assist Card Bank of Alba Blue Assistance C.A.M.P.A. Casagit Services Casagit Caspie Celta Assistance Cigna Europ Assistance FAB FAIT FASCHIM FASDAC FASI / FASI Open Ferrero Direct Wire* Health Fund Generali Credito Valtellinese Banking Group ITC Together Health Inter Partner Assistance (IPA) MAPFRE Med 24 / Med 24 Assistocard Medic4all* My Assistance My Network Nobis Insurance Company Previmedical Pro.Ge.Sal for All Sara Assicurazioni* Provincial Secretariat of the Trade Union Organization UGL - PS Turin Unisalute WIT Health Division [...]
July 23, 2017Abdominal hernia / inguinal hernia / laparoscopic inguinal hernia / recurrent inguinal hernia / HerniasErnia inguinale recidiva: cos’è? L’ernia inguinale appartiene alla grande famiglia delle ernie della parete addominale e rappresenta una delle malattie di interesse chirurgico più frequenti in tutto il mondo: si calcola che le ernie in generale colpiscano dal 5 al 7% della popolazione, e che di esse circa il 75% sia rappresentato dalle ernie inguinali. In altri termini, in Italia circa 2.736.000 persone sono affette da ernia inguinale. La maggioranza di questi pazienti finiscono col sottoporsi ad intervento chirurgico che, in prima battuta, è un intervento relativamente poco complesso, che si esegue in anestesia locale e necessita di poche ore di ricovero. Tuttavia, in una non piccola percentuale di casi, la riparazione, per i motivi più vari (che vanno dagli errori di tecnica alla mancata osservanza, da parte del paziente, delle regole imposte dal chirurgo nel postoperatorio), fallisce; l’ernia si riforma: si parla, in questo caso, di ernia inguinale recidiva. La recidiva: un problema frequente nelle ernie inguinali Le moderne tecniche chirurgiche e l’uso delle protesi hanno ridotto in maniera sostanziale la percentuale di casi di recidiva dopo un intervento per ernia inguinale; tuttavia, un recente studio, condotto su oltre 46.000 pazienti in Danimarca, ha dimostrato che l’incidenza della recidiva dell’ernia inguinale continua a interessare circa il 4% dei pazienti; meno delle percentuali a due cifre che si osservavano prima dell’avvento delle reti: ma, tenendo conto dei numeri prima riportati, in linea teorica solo in Italia l’ernia inguinale recidiva interessa oltre 100.000 pazienti – una non piccola citta! Il problema che allora si pone al Chirurgo è: qual è il trattamento corretto dell’ernia inguinale recidiva? Qual è il trattamento corretto dell’ernia inguinale recidiva? La maggior parte dei Chirurghi tratta l’ernia inguinale recidiva esattamente come aveva trattato l’ernia inguinale primitiva: ovvero, la opera per via anteriore, rifacendo un’incisione chirurgica sulla precedente, e cercando di mettere una “toppa” come si può – molto spesso “inventando” sul momento una qualche variante delle tecniche chirurgiche più usate (il che, all’atto, sembra anche una buona soluzione). Ciò, purtroppo, è concettualmente sbagliato, oltre ad andare contro le indicazioni delle principali linee guida oggi disponibili. Operare un’ernia recidiva con l’incisione tradizionale quando l’ernia primitiva sia già stata operata per via anteriore significa danneggiare di nuovo un tessuto su cui il chirurgo era già passato nel corso del precedente intervento, in un’area in cui l’anatomia è stata comunque profondamente alterata dalla chirurgia subita dal paziente, e dove vi sono intensissimi fenomeni fibrotici dovuti alla presenza della rete: aumenta, e di molto, il rischio di lesioni vascolari e nervose e di dolore postoperatorio; la parete della regione inguinale si indebolisce ulteriormente, ed il rischio di una nuova recidiva aumenta. Il paziente rischia di trovarsi impelagato in un’odissea infinita e dolorosa. Ernia recidiva: meglio la laparoscopia Le linee guida, in questo caso stilate dalla European Hernia Society, parlano chiaro:  “If previously anterior: consider open preperitoneal mesh or endoscopic approach (if espertise is present)” – ovvero: se il paziente è stato precedentemente operato per via anteriore, sono indicate la riparazione aperta con rete in posizione preperitoneale (per esempio le tecniche di Stoppa o di Wantz) o la tecnica endoscopica, sempre che expertise is present, ovvero che ci sia un Chirurgo esperto in questa procedura. In effetti in Italia – per mille motivi, che non è il caso di analizzare in questa sede – sono pochi i Chirurghi in grado di cimentarsi con la riparazione dell’ernia inguinale in laparoscopia, specie se si tratta di un’ernia inguinale recidiva (e forse ancora meno quelli in grado di eseguire un intervento con tecnica di Stoppa o di Wantz). Si tratta di casi difficili, con anatomia comunque alterata (anche se, “passando da dentro”, ovvero dalla superficie interna della regione inguinale, ci si trova a lavorare in un territorio apparentemente “vergine”), che possono essere affrontati solo da chirurghi esperti. Ma i vantaggi sono chiari: si ha la possibilità di riparare il difetto erniario con una rete decisamente più grande di quella che si usa nella chirurgia tradizionale dell’ernia, posizionata in un area “sana” rispetto a quella dove il chirurgo aveva precedente lavorato; e non raramente, si può scoprire che in realtà non si ha a che fare con un’ernia inguinale recidiva, ma con una nuova ernia, magari passata inosservata durante il precedente intervento, o magari formatasi in seguito; e che, guarda un po’, c’è un’ernia anche dall’altra parte, nell’altra regione inguinale, di cui né il paziente, né il chirurgo si erano accorti, e che può essere riparata nel corso dello stesso intervento, prima che cominci a dare fastidio. Senza contare che il dolore postoperatorio è sensibilmente inferiore rispetto all’intervento tradizionale, e che il paziente può ritornare alle proprie attività molto più rapidamente. Il video della tecnica chirurgica Ed ecco, per finire, il video di un mio recente intervento per ernia inguinale recidiva, eseguito in laparoscopia (tecnica T.A.P.P., Trans Abdominal Pre Peritoneal). Si tratta di un paziente utrasettantenne alla sua quarta recidiva erniaria (!!! Ovvero, altri tre chirurghi lo avevano già operato passando per la via anteriore, evidentemente senza grandi risultati). Intervento non semplice, come previsto, ma concluso con successo e con soddisfazione del paziente. La rete, come prescritto dalle linee guida, viene collocata nello spazio preperitoneale, ma senza le grandi incisioni necessarie per le tecniche di Stoppa o di Wantz (in effetti, al paziente resteranno tre piccole cicatrici, due da 10 mm ed una da 5 mm…). Il paziente è stato dimesso il giorno dopo l’intervento, e non ha avuto nessun disturbo o complicazione nel postoperatorio. Questi risultati si ottengono nella grande maggioranza dei casi dei pazienti operati in laparoscopia. Ma – lo ripeto – l’ernioplastica inguinale laparoscopica, soprattutto in caso di ernia inguinale recidiva, non è per tutti, e deve essere eseguita da un chirurgo esperto. Buona visione! [...]
June 9, 2017inguinal hernia Trabucco methodTrabucco's technique for inguinal hernia repair has also arrived in Argentina. Last week I was busy demonstrating the simplicity and effectiveness of this technique by operating in several hospitals in Rosario and Buenos Aires. The activity of disseminating Trabucco's technique has been enthusiastically received by Argentine Colleagues, especially by Doctors in specialist training who have understood that this method for inguinal hernia repair is easy, effective and reproducible. All the procedures I have performed have been broadcast live to groups of Surgeons specialized in abdominal wall surgery around the world; and one procedure went live streamed on YouTube: you can, if you wish, find it at the end of the article. What really matters is, once again, the dissemination of knowledge and the mutual exchange of ideas and observations. It is clear that Trabucco's technique is not the only possible option for inguinal hernia surgery: today it is more and more evident and recognized that, for example, in many situations (such as in bilateral inguinal hernia and in recurrent inguinal hernia) the technical "gold standard" is represented by laparoscopic surgery - an option that I ALWAYS offer to my patients, and it is a pity that in Italy very few Surgeons do it; but Trabucco's technique remains an important arrow in the Surgeon's quiver, allowing him to propose to the patient an operation that does not require general anesthesia, is quick, painless and minimally invasive (the incision we normally use does not exceed 4 - 5 cm). Inguinal hernia surgery is among the most frequently performed in the world, yet it continues to be burdened by a number of complications-postoperative pain, hematomas, seromas, early and late recurrences-which are frankly unjustifiable and unpleasant for both patient and operator. Trabucco's technique makes it possible to offer the patient a standardized procedure geared toward maximum reduction of pain and other postoperative complications and with recurrences of less than 2%; it represents a valid alternative to laparoscopic surgery in unilateral inguinal hernia and allows the Surgeon to use high-tech nets that guarantee maximum patient comfort, such as the Herniamesh Hybridmesh®, a partially absorbable quadriaxial net whose weight is reduced by 75% in about two years, minimizing discomfort due to the "foreign body" sensation. Unfortunately, this net is not available in most Italian Hospitals; however, thanks to an exclusive agreement with the manufacturer, I am able to offer it to my patients. And here is the video of the inguinal hernia repair surgery with the Trabucco technique performed in Buenos Aires and broadcast live on YouTube! In this surgery, I actually use a Hybridmesh, and in the video I illustrate its main features. Enjoy watching! [...]
March 17, 2017Stomach cancer / gastritis / Helicobacter pylori / screening / stomach cancer / stomach ulcerL’Helicobacter pylori è un batterio appartenente alla famiglia dei bacilli. La sua scoperta non è recente; fu proprio a Torino che un patologo dell’Università, Giulio Bizzozero, isolò nel 1892 i caratteristici batteri spiraliformi nello stomaco dei cani. La scoperta passò all’epoca quasi inosservata; si dovette attendere quasi un secolo prima che si tornasse a parlare con un certo interesse dell’Helicobacter pylori, grazie a due scienziati australiani, Robin Warren e Barry Marshall, che nel 1983 isolarono nuovamente il batterio, vincendo per la loro “riscoperta” il premio Nobel per la medicina nel 2005. Helicobacter pylori: perché la diagnosi è importante?  Sin dal 1989, l’Helicobacter pylori è riconosciuto essere la causa principale di una infiammazione dello stomaco che può portare alla comparsa di ulcere gastriche e duodenali e di una forma di gastrite cronica che, oggi, è considerata una lesione precancerosa, in quanto in una piccola ma concreta percentuale di casi può dare origine ad un tumore dello stomaco. L’organismo umano entra in contatto con l’Helicobacter in genere verso i 5 o 6 anni d’età; il nostro sistema immunitario non è in grado di reagire contro di esso, per cui il batterio colonizza la mucosa gastrica, dove in genere rimane per lunghissimo tempo, spesso per tutta la vita. Non è ancora noto come il batterio si trasmetta da uomo a uomo; sembra molto probabile che la trasmissione avvenga all’interno dei gruppi familiari, soprattutto tra bambini e dai genitori ai figli. Al momento non esiste un vaccino contro di esso. Quali sono le conseguenze dell’infezione da Helicobacter pylori? L’infiammazione prodotta dal batterio può essere localizzata in alcune aree dello stomaco (soprattutto nell’antro nel corpo dello stomaco) od essere diffusa. Gli individui con infiammazione localizzata prevalentemente nell’antro gastrico sono più propensi a sviluppare una ulcera gastrica, mentre quelli con una infiammazione localizzata prevalentemente nel corpo gastrico o diffusa a tutto lo stomaco svilupperanno più facilmente una gastrite cronica atrofica, lesione precancerosa che nella sua progressione può provocare la comparsa di cancro dello stomaco. In effetti, l’Helicobacter pylori è stato il primo batterio ufficialmente riconosciuto come causa di tumore, in poco meno dell’1% della popolazione da esso infettata. L’Helicobacter, inoltre, può essere causa di anemia da carenza di ferro. Secondo il Center for Disease Control and Prevention degli USA, l’H. pylori infetta circa i 2/3 della popolazione mondiale. L’infezione da Helicobacter può essere del tutto asintomatica, specie nei bambini. Negli adulti può provocare la comparsa di ulcere gastriche e duodenali, e di tumori dello stomaco, sia adenocarcinomi che linfomi non-Hodgkin. I segni di una possibile infezione da Helicobacter pylori sono: – comparsa di dolore sordo o bruciore tra lo sterno e l’ombelico, che può durare da pochi minuti ad alcune ore e può essere alleviavo dall’uso di antiacidi (che però NON CURANO l’infezione). – meteorismo, gonfiori addominali, nausea e/o vomito postprandiale – anemia cronica da carenza di ferro Helicobacter pylori: la diagnosi e la terapia Vi sono molte maniere per diagnosticare l’infezione da Helicobacter, ma la più rapida ed assolutamente non invasiva è il test del respiro o breath test. Si tratta di un esame le cui specificità e sensibilità sono altissime (prossime entrambe al 100%), per cui è in grado di diagnosticare praticamente tutti i casi di infezione da Helicobacter. Una volta diagnosticata l’infezione batterica, la terapia è semplice e consiste nell’assunzione di particolari agenti antibatterici. In genere la terapia prevede alcuni passi ben precisi: 1) l’assunzione iniziale di un’associazione di antibatterici, che si è dimostrata efficace nell’eradicazione dell’Helicobacter in un’elevata percentuale di casi; 2) l’esecuzione, dopo un po’ di tempo, di un nuovo breath test, per verificare che l’infezione sia stata effettivamente controllata; 3) in caso di positività dell’esame, dovuta al fatto che esistono dei ceppi di Helicobacter che hanno sviluppato una resistenza ai farmaci utilizzati per la prima linea terapeutica, si somministra un secondo livello di terapia, con farmaci differenti. IL SUCCESSO DELLA TERAPIA SFIORA IL 90% DEI CASI. Il nostro test di screening per l’Helicobacter pylori Perché rischiare? L’infezione da Helicobacter è molto diffusa e può provocare patologie gravi che, se progrediscono possono mettere a rischio la vita; inoltre, se si è portatori dell’infezione, è possibile che la si trasmetta ai propri cari. Per questo motivo, abbiamo deciso di proporre ai nostri pazienti un programma di screening con il breath test, o test del respiro, ad un costo estremamente competitivo. Il test è assolutamente non invasivo, semplice e rapido da realizzare; e, se positivo, permette di instaurare in tempi rapidi, la terapia piu’ adatta a debellare il batterio. Prenotate ora il test del respiro con i nostri medici. Con noi, debellare l’Helicobacter pylori è FACILE COME RESPIRARE! [...]
December 25, 2016Hemorrhoids / elastic ligation / elastic ligation of hemorrhoids / outpatient treatment of hemorrhoidsElastic ligation of hemorrhoids: why operate if it can be avoided? The outpatient treatment of internal hemorrhoids includes two distinct techniques that I associate in my operative protocol: elastic ligation and sclerosis. GRADES are a simple (though not the only) conventional system of classifying hemorrhoids: 1st grade: small hemorrhoids that never prolapse (= leak out); 2nd grade: hemorrhoids that prolapse but spontaneously shrink; 3rd grade: hemorrhoids that prolapse, and that the patient has to reduce manually (= that do not re-enter on their own) 4th grade: hemorrhoids that cannot be reduced. Many authors place an indication for elastic ligation only up to hemorrhoid grade II; in fact, experience has taught us that even grade III hemorrhoids can be conveniently treated with elastic ligation, thus avoiding the operating table. This is particularly interesting for elderly patients, often with multiple pathologies, for whom the indication for surgery, taking into account the anesthesiological risk, must be placed with caution. Elastic ligation: my protocol Our protocol has been standardized for many years: 6 sessions of elastic ligation, spaced 15 days apart, and two final sessions of hemorrhoid sclerosis, also at 15-day intervals. The safety of such a designed protocol is extremely high. The Sacred Books claim that it is possible to ligate up to three hemorrhoid pads at a time; in reality, what is achieved with elastic ligation is ISCHEMIA and subsequent detachment of the ligated area, with formation of a scar that anchors the mucosa of the rectum to the underlying muscular planes. Increasing the ischemic area increases the risk of perforation of the rectum (a dreaded event that can result in severe perirectal soft tissue infection and, nri extreme cases, lead to death), so NEVER ligate more than one hemorrhoidal pad at a time! In addition, I have seen severe hemorrhoidal prolapses, with urgent surgical indication, caused by incorrect execution of the elastic ligation technique in patients to whom three or more hemorrhoids had been ligated at once. Prudence first, that is the secret of effective treatment! Elastic ligation: quick, painless, effective! Elastic ligation, if done well, is QUICK AND PRACTICALLY PAINLESS: what the patient may feel immediately is a kind of discomfort, as of urging defecation without being able to do so. This discomfort, which can be greatly reduced by simply taking some metamizole, paracetamol, or otherwise an analgesic half an hour before the session, is transient and almost always disappears within a few hours; a few days after the elastic ligation, the strangulated gavage comes off and is eliminated with the feces, usually without the patient noticing anything (occasionally, a few drops of blood may be noted). The 6 cycles of elastic ligation, as mentioned, are followed by two sessions of sclerosis in our protocol. Hemorrhoidal sclerosis involves injecting the mucosa of the hemorrhoidal area with kinurea, the only drug authorized by the European pharmacopoeia for this procedure. Similar to what happens in sclerosis of leg capillaries, kinurea causes an inflammatory reaction that has two results: that of further reducing any residual hemorrhoidal mass and, more importantly, that of "gluing" the mucosa of the hemorrhoidal area to the underlying layers of the rectum wall, thus preventing new prolapses. Once the treatment is over, our protocol is to check the patient once a year. To learn more, here is our brochure on the treatment of hemorrhoidal pathology by elastic ligation. [...]
November 25, 2016abdominal hernia / inguinal hernia when to operate / surgery for inguinal hernia / laparocele / Anatomic Separation of Components (SAC) / botulinum toxinFor a few months already, we have introduced, in our hospital in Chivasso, some important technical innovations in the surgery for inguinal and abdominal hernia and for laparocele. Especially with regard to minimally invasive laparoscopic surgery of abdominal hernia and laparocele, we have introduced, first in Italy, a new technique that allows us not to place nets in contact with the intestinal loops. In fact, it is now increasingly common within scientific societies and specialized websites to report serious complications related to prostheses; in particular, it is now clear that there is no mesh that does not cause the formation of adhesions, and expose the patient to the risk of intestinal injury and occlusive crisis. For this reason, we have begun to place prostheses outside the peritoneum, with a technique known as TAPP (trans abdominal pre peritoneal) and previously used only for inguinal hernias. We have also modified, in suitable cases, the surgical access so that the scars are truly invisible. The following is a video of this new technique. In addition, we have introduced a revolutionary new surgical technique for the treatment of large abdominal hernias and large laparoceles (i.e., when the defect is greater than 12 cm). This is the anatomical separation of components sec. Carbonell-Bonafé, which was passed on to us precisely by Prof. Fernando Carbonell Tatay of the University of Valencia - currently one of the greatest wall surgeons in Europe. The technique, as complex as it is effective, involves placing two large nets in a position retromuscular (behind the rectus abdominis muscles and in the space between the external oblique and internal oblique muscles, to be precise); in cases of loss of right of domicile (i.e., when the abdominal space has shrunk so much that it can no longer accommodate the herniated viscera), the use of botulinum toxin infiltrated preoperatively allows a good part, if not all, of the lost volume to be recovered. Here is a video of the technique, made by our team for a recent scientific meeting of the Sociedad Hispanoamericana de Hernia. In short, by placing these new techniques alongside the already established procedures of hernioplasty according to Trabucco and laparoscopic inguinal hernioplasty, surgery for inguinal and abdominal hernia in Chivasso becomes increasingly effective, refined and safe. For any information, please feel free to contact us through our website cuccomarinomd.com or by phone 011-0438161 [...]
October 20, 2016laparoscopic surgery / abdominal hernia / hernia and laparoscopic surgery / hernias / laparocele / laparoscopy / abdominal wall / Anatomic Separation of Components (SAC)And after surgery, laparocele. It is not so uncommon (indeed!) that after abdominal surgery a "bulge" appears near the surgical scar. This is the laparocele, or incisional hernia: the wall suture has given way ("suture dehiscence"), and now the viscera contained in the abdomen are pressing toward the skin. Laparocele is an actual hernia. The difference is that it appears not at a naturally occurring orifice, but at a surgically created defect. There are many conditions that facilitate the occurrence of a laparocele, ranging from incorrect lifestyles (e.g., smoking), to physiological states (such as advanced age), dysmetabolic (e.g., malnutrition), and pathological (such as tumors). Treatment of a laparocele is always surgical, and presupposes a careful preoperative study (the dynamic CT scan of the abdominal wall), which must lead to equally careful evaluations of the choice of surgical technique to be adopted. Repair of a laparocele can in fact be performed either laparoscopically, minimally invasive, or open, but the two access modalities are not interchangeable. Minimally invasive surgery is effective in defects of more modest size, no more than 6-8 cm. In the case of larger defects, in fact, Placement and proper distension of the mesh can be difficult, exposing the patient to an increased risk of recurrence. In addition, a large laparocele also presents other issues that it is crucial to take into account: for example, the volume of the herniated viscera and the residual space of the abdominal cavity, which must be properly calculated: this is to avoid determining, with an incorrect repair, an intra-abdominal pressure increase, which can be a cause of respiratory failure in the patient. In addition, in large laparoceles there is often atrophy, associated with retraction, of the muscles of the abdominal wall: this may make it impossible to "reconstruct the midline," as it is called in the jargon, that is, to relocate the muscle-fascial layers of the wall in their correct position so as to repair the abdominal defect. In these cases, it is necessary to perform anatomical separation of components (SAC), i.e., isolation of the individual layers of the abdominal wall: this allows both the muscle-fascial components to be brought closer to the midline and the placement of large mesh, which is essential to reconstruct both the structure and function of the abdominal wall in these cases. These are very complex and time-consuming procedures that can only be performed by highly experienced surgical teams. The finest anatomical component separation technique is that of Carbonell-Bonafé, two Spanish surgeons who without difficulty can be counted among the great masters of 20th century wall surgery. I had the good fortune to learn the Carbonell-Bonafé technique directly from Professor Fernando Carbonell; currently, my team is among the very few (I think less than 5) in all of Italy to perform it. Here is a short film of mine, summarizing in less than 20 minutes an operation for catastrophic laparocele repaired with Carbonell's technique that lasted about 5 hours. [...]
July 28, 2016Hemorrhoids / elastic ligation / elastic ligation of hemorrhoidsLa crioterapia delle emorroidi: scienza o mercato? Cercare informazioni e consigli medici in Internet è davvero complicato per chi non sia un esperto della materia. Molto frequentemente, ci si imbatte in pagine, ospitate anche da testate nazionali prestigiose come il quotidiano La Repubblica (come nel caso di cui ora parleremo), che riportano un mix di notizie vere (anche se di qualità non eccelsa) e di autentiche “bufale”. È il caso dell’articolo “Emorroidi nemiche delle ferie: debellare il problema è possibile” pubblicato nelle pagine di Roma del noto quotidiano. Il titolo è davvero accattivante: che bello, forse posso mandare a quel paese ‘ste diavolo di emorroidi e passare delle ferie fantastiche! Se un medico potesse offrire una soluzione rapida, indolore e last minute di questo genere diventerebbe un benefattore dell’umanità, oltre che ricchissimo. Purtroppo, una promessa del genere è, molto spesso, cialtronesca. Ma torniamo all’articolo. La prima parte ci mette un po’ in ansia: problemi di salute che ci affliggono quotidianamente e non vanno in vacanza, ne soffre il 60% della popolazione oltre i 50 anni, tendono a peggiorare con le alte temperature, al mare o in montagna, fastidio con il quale alla lunga è impossibile convivere. Tutto vero, per carità: eccome se è vero, nessuno meglio di un coloproctologo, che ascolta ogni settimana centinaia di storie di pazienti disperati, lo può sapere. Ma ecco, improvvisa giunge, luminosa e salvificante, la soluzione: fortunatamente, si tratta di un problema che “le nuove frontiere della medicina permettono di estirpare alla radice con interventi non invasivi”. Capperi, avrà pensato chi ne soffre: ed io sto qui senza fare niente? In effetti, è vero che esistono trattamenti minimamente invasivi e molto efficaci per il trattamento della patologia emorroidaria. Ne abbiamo parlato anche noi, in vari articoli. Tuttavia, leggendo le righe successive comincia a sorgere qualche dubbio, specie a chi ha un orecchio affinato. “Il dottor XY ci indica le linee guida da seguire per una dieta ideale… frutta, verdura, cibo integrale… due litri d’acqua… buona regola di non fumare”: come, tutto qui? Il povero paziente potrebbe cominciare a sentirsi deluso. Ma no, attenzione: il dottor XY ci offre la soluzione salvifica: la CRIOTERAPIA DELLE EMORROIDI. La crioterapia delle emorroidi “si sta affermando come uno dei rimedi migliori e meno invasivi… dopo anni di studio e sperimentazione, il dottor XY ha sviluppato una particolare competenza in questo trattamento e adesso svolge la sua attività a Roma, oltre che a Milano, Bologna, Vicenza e Rimini… la soluzione ideale per dire addio alle emorroidi in pochi minuti… perchè convivere con un problema così fastidioso quando è possibile eliminarlo in modo semplice e indolore?” Accidenti… penserà il paziente: questo non è un medico, è un santo. Il link al sito web del dottor XY ci consentirà di contattarlo senza problemi. E il famoso pulsantino “Like” di Facebook ci rivelerà che questo articolo ha entusiasmato ben 65.000 persone. Complimenti dottor XY. Peccato che sia una bufala. La crioterapia delle emorroidi: verità e bufale La crioterapia delle emorroidi non è tra i metodi previsti dalle linee guida internazionali sul trattamento delle emorroidi, raccolte dalla National Guidelines Cleringhouse del Dipartimento della salute del governo degli Stati Uniti – le linee guida più accreditate a livello mondiale, stilate, nel caso delle emorroidi, dalla American Society of Colon and Rectal Surgeons; che, al punto 4, ci dicono che la maggioranza dei pazienti con emorroidi di grado I, II e III può essere efficacemente trattata con procedure ambulatoriali quali la legatura elastica, la sclerosi e la coagulazione con infrarossi; e tra tutte, la legatura elastica è tipicamente la soluzione più efficace1 . Ma se la crioterapia delle emorroidi è la soluzione più efficace, indolore e veloce com’è che i Proctologi americani non ne parlano? Sono pazzi? O noi italiani, e in particolare il dottor XY, siamo più bravi di tutti? Il successivo articolo, del 2012, della National Guideline Cleringhouse2 fornisce una bellissima tabella sinottica sui migliori trattamenti in funzione del grado della patologia emorroidaria: ancora una volta, la crioterapia delle emorroidi è del tutto ignorata. Ma andiamo avanti. I Professionisti sanitari hanno un’arma in più, davvero potentissima, per valutare la qualità dell’informazione medica: Medline, il database di tutti i lavori scientifici di un certo peso pubblicati al mondo (anch’esso curato dal governo USA, in particolare dalla US National Library of Medicine). Se si inserisce nella casella di ricerca la chiave “cryotherapy of hemorrhoids”, gli articoli selezionati sono una sessantina, e quel che ci dicono è impressionante. Scegliamone qualcuno tra i più suggestivi: – “Necessary and unnecessary treatment options for hemorrhoids”3: l’articolo è in tedesco, ma nell’abstract si legge: “Anal dilation, sphincterotomy, cryosurgery, bipolar diathermy, galvanic electrotherapy, and heat therapy should be regarded as obsolete given the poor or missing data reported for these methods.” Ossia: la dilatazione anale, la sfinterotomia, la CRIOCHIRURGIA … sono da considerarsi obsolete, data la scarsità od assenza di dati pubblicati per queste metodiche. MA COME!!! ANNI DI RICERCHE… STUDI… CHE FINE HANNO FATTO?!? – “Hemorrhoids: from basic pathophysiology to clinical management”4. Stavolta è un giornale davvero pesante, il World Journal of Gastroenterology (impact factor 3,80 nel 2015). Il testo dell’articolo è free, quindi possiamo leggerlo per intero: veniamo così a scopire che “diversi studi clinici hanno rivelato che essa (la crioterapia delle emorroidi) è associata a dolore prolungato, drenaggi maleodoranti ed un’elevata incidenza di persistenza della massa emorroidaria”5. Wow, che successo. Tornando all’articolo di Repubblica, esplorando bene la pagina web ci si accorge che, verosimilmente, è sponsorizzata dal dottor XY (“Contenuto offerto da dottor XY”, segue numero di telefono). Splendido esempio di pubblicità ingannevole: uno spot confezionato come se fosse un articolo scientifico, e zeppo di inesattezze ed informazioni non vere – pericolose oltretutto, orientando la scelta di una persona inesperta e sofferente verso un metodo clinico non validato dalla comunità medica internazionale, costoso e poco, per non dire nulla, efficace. Meditate, signori, e informatevi prima di seguire i fuochi fatui – e i ciarlatani. (1) “Most patients with grade I, II, and III hemorrhoid disease in whom medical treatment fails may be effectively treated with office-based procedures, such as banding, sclerotherapy, and infrared coagulation. Hemorrhoid banding is typically the most effective option.” (2) “Expert commentary: Management of Hemorroids…” (3) Opzioni terapeutiche necessarie e non per le emorroidi (4) Emorroidi: dalla fisiopatologia di base alla gestione clinica (5) “Several clinical trials revealed that it was associated with prolonged pain, foul-smelling discharge and a high rate of persistent hemorrhoidal mass” [...]
May 28, 2016abdominal hernia / crural hernia / hernia and laparoscopic surgery / incarcerated hernia / inguinal hernia / inguinal hernia how to operate / inguinal hernia Trabucco method / inguinal hernia when to operate / inguinal hernia symptoms / umbilical hernia / strangulated hernia / hernias / surgery for inguinal hernia / laparocele / laparoscopy / Pascal's law / abdominal wallAbdominal wall surgery Abdominal wall surgery is a superspecialty surgery, in many respects more complex than most other abdominal surgeries (except, perhaps, pancreatic surgery and metabolic surgery), requiring years of study and application, and a very detailed knowledge of human anatomy, to be successfully accomplished. In our unfortunate country, by many of the many, too many big wigs in our own health care, abdominal wall surgery is considered a minor branch of the medical sciences; but one only has to cross the Alps to see how much it is valued, and even feared, in the international surgical environment. And this is well understood when one looks at the disasters, due to surgical unpreparedness, often combined by those who approach the operating table without due respect for the abdominal wall: which, it should be remembered, is one of the load-bearing walls of the "house" in which we live, our body. How would one live in a house with gutted walls? The quality of life would be abysmal; and abysmal is the quality of life of those who are recklessly operated on by those who do not know the laws-often very complex-that the abdominal wall requires us to follow. The history of abdominal wall surgery The History of Abdominal Wall Hernia Surgery It is the History of Surgery: all the greatest Surgeons, all those whose names are remembered, have applied and contributed to it. I have spoken about it at several national and international conferences and courses, because it is a fascinating story; just as fascinating is the story of the invention of the prostheses we use today in abdominal wall surgery: to the eye, small sheets of plastic, but with extraordinary technological content inside that rests on more than a century of scientific research. Course on Abdominal Wall Surgery in the Cancer Patient It is therefore a great honor for me, and a great pride, to participate, as the ONLY ITALIAN INVITED SPEAKER among dozens of sacred monsters of Spanish (among the best in the world) and Spanish-American surgery, in the International Course of Abdominal Wall Surgery in the Oncologic Patient organized by the Sociedad Hispanoamericana de Hernia and the University of Valencia next October. The course is sponsored by the Generalitat Valenciana, the Asociación Española de Cirujanos and the Instituto Cervantes, to name but a few of the major Spanish institutions that have shown interest in our work; as well as by numerous International Scientific Societies. We will hold high the flag of our country, and honor our work! [...]
May 9, 2016perianal skin disordersAnal itching Anal itching is a common and widespread problem in both men and women, although more frequent, and by a lot (about four times), in the former. It may be primary, or idiopathic, when no specific cause is recognized; or secondary, when its cause is clearly recognizable. Scratching the affected area causes skin lesions that aggravate the skin irritation, further worsening the problem. Anal itching: causes Itching is a common symptom in many anorectal afflictions; major causes include hemorrhoids, the presence of bulky perianal marisades (or "skin tags"), soiling (limited leakage of fecal fluid from the anus) and fecal incontinence, anal fistulas, fissures and condylomata. Other causes are sweat and poor perianal hygiene; in particular, the persistence of fecal debris is an important cause of itching, and its removal by thorough washing promptly resolves the problem, confirming the central role of feces in the genesis of anal itching. On the other hand, aggressive anal hygiene, with inadequate cleansers, can also be a cause of anal itching, in what is sometimes referred to in Anglo-Saxon literature as "polished anus syndrome" (in Italian we could translate it as "polished anus syndrome"). Excessive polishing of the perianal area, along with the use of ointments containing cortisone and derivatives, destroys normal skin defenses, worsening itching. Although there are no definitive studies, it is fairly common experience that certain foods can also cause anal itching; these include coffee, tea, chocolate, coca-cola, citrus fruits, tomatoes, spices, beer, dairy products, and nuts. Most often, anal itching originates from an infection: agents can be skin bacteria, fungi, some parasites such as pinworms, and some viruses, including the papilloma virus, the cause of anal condylomas. Several skin diseases can cause anal itching: mainly psoriasis, seborrheic dermatitis, atopic dermatitis, and lichen; and some systemic diseases, such as diabetes mellitus, leukemias, lymphomas, renal failure, and jaundice, can also cause anal itching. However, many times the causes of anal itching remain unknown. Anal itching: treatment The goal of treating anal itching is to reconstitute clean, dry, intact skin. This can be very difficult, since, as mentioned, frequently the cause of itching remains unknown. 1) The stool must have the proper consistency; it must be soft, well-formed and easy to clean. For this purpose, fiber-based dietary supplements are used, which absorb excess fluid in the stool. 2) If in spite of this, stools remain excessively watery, antidiarrheal drugs can be used, but their use should always be evaluated and prescribed by the physician. 3) It is then advisable to eliminate from the diet the foods that can cause anal itching, and which we mentioned earlier. 4) Improving hygiene practices is also very important. It is important to understand that the perianal area does not have to be sterilized. It is usually sufficient to simply use water, possibly accompanied by mild soaps, such as Marseille soap; and it is much better to dry the area with a hair dryer, rather than with paper or cloth napkins. 5) It is important to avoid scratching, an act that severely worsens skin lesions and increases the likelihood of bacterial or fungal overinfection. 6) Time-limited use of steroid-containing ointments such as hydrocortisone or betamethasone may be helpful in improving symptoms. Use of more potent steroids, or prolonged use of topical steroids, can cause skin atrophy and worsen itching. Zinc oxide creams help create a protective barrier on the skin and improve symptoms. If infection is suspected, or if skin integrity is injured, application of topical antibiotics (gentamicin, clindamycin, bacitracin) or antifungals such as clotrimazole and nystatin may be helpful. In special cases, antibiotics can be given orally. 7) If parasitosis is suspected, oral administration of specific antiparasitics is indicated. In all cases, anal itching is a condition that should be evaluated by the coloproctology specialist; who is the only one who can make a diagnostic hypothesis and prescribe the most appropriate therapy. [...]
March 26, 2016pelvic floorKEGEL EXERCISES: WHAT ARE THEY? Kegel exercises are exercises designed to strengthen the muscles of the pelvic floor, which is nothing more than that muscular diaphragm that lies below the bladder, uterus and intestines. The purpose of such exercises is to help patients with urinary or fecal incontinence control leakage of urine or feces. THE PELVIC FLOOR The pelvic floor consists of muscles that are vital for maintaining urinary and fecal continence. These muscles also play a central role in sexual life and the achievement of orgasm, in venous and lymphatic drainage of the pelvis, and, together with the muscles of the abdomen and back, in stabilizing the spine. These muscles are the bulbocavernosus, ischiocavernosus, superficial transverse perineal, external anal sphincter, urethral compressor, urethrovaginal sphincter, deep transverse perineal, levator ani (consisting of the pubococcygeus--in turn subdivided into pubovaginal and puborectal--and ileococcygeus), coccygeus/ischiococcygeus, piriformis, and internal obturator. It is clear from the number and anatomical arrangement of these muscles that the pelvic floor is a very complex structure. SYMPTOMS AND CAUSES OF PELVIC FLOOR DYSFUNCTION Many of the symptoms of pelvic floor dysfunction may be vague and associated with other diseases. Among them, the following should be mentioned: Urinary incontinence associated with exercise, coughing, laughter or other conditions of transient increase in abdominal pressure Urinary urgency (difficulty in holding urine) Defecatory dysfunction, such as difficulty in holding stool or actual fecal incontinence Incidental flatulence Pelvic pain Pain associated with sexual intercourse (dyspereunia) Prolapse of certain organs, such as uterine prolapse The causes of pelvic floor dysfunction are many, and the insufficiency itself may appear at a young or old age, suddenly or gradually. There are factors that increase the risk of developing pelvic floor insufficiency, and among them the main ones are: Pregnancy and childbirth Menopause Overuse or disuse of the floor muscles themselves Back pain Constipation and defecatory strains in general Overweight and obesity Physical exertion, particularly lifting heavy objects Conditions such as asthma and allergies that cause chronic coughing or sneezing Pelvic injuries Gynecological or prostate surgery Kegel exercises can be performed by both women and men at any time of the day: while sitting, standing, lying down, while walking or working, during pregnancy and after childbirth. Regular performance of Kegel exercises can significantly improve conditions associated with pelvic floor dysfunction, and in males it improves sexual performance. It is important that these exercises are done correctly, and this can be learned, and monitored, on an outpatient basis with biofeedback techniques. KEGEL EXERCISES FOR WOMEN Relax the abdominal and thoracic muscles, buttocks and thighs Contract your pelvic floor muscles, as if you were to block the flow of urine, and keep the muscles contracted for about ten seconds. If you can appreciate an ascent and contraction of the vagina, anus or bladder, then the exercise has been performed correctly Repeat the exercise three times; perform ten such sets each day Do not perform the Kegel exercises while you are urinating: this can cause incomplete emptying of the bladder and increase the risk of urinary infections. The positive effects of Kegel exercises may appear weeks or even months after starting the practice; this depends on the correct execution of the exercises, and the severity of the underlying condition. KEGEL EXERCISES FOR MEN Kegel exercises for men can, as mentioned, improve sexual performance, and they play an extremely important role in functional recovery after radical prostatectomy. In essence, they do not differ from those for women: Relax the abdominal and thoracic muscles, buttocks and thighs. Identify the muscles involved by contracting them as if you were to block a flow of urine; keep them contracted for a three-second Repeat the exercise in sets of ten contractions, three times a day As with women, performing Kegel exercises while urinating can increase the risk of urinary infections. Kegel exercises: A how-to guide for women Kegel exercises for men: Understand the benefits [...]
March 22, 2016who we areWAITING FOR THE NEXT ARTICLE, VISIT OUR PAGE ON MEDICITALIA Our next article, which we are finishing up right now, will cover Kegel exercises for urinary and fecal incontinence. In the meantime, visit our page on MEDICITALIA, the primary site for medical information and online booking of specialist visits. There are our answers to many consultations, and a couple of articles on hemorrhoids and elastic ligation that have met with some success. See you very soon! [advanced_iframe securitykey="b4abb7d6eed13498452af2501ad061f8e0f53941″ src="http://www.medicitalia.it/s.cuccomarino"] [...]
Feb. 16, 2016Anal ramadIntroduzione: la ragade anale ed il suo trattamento La ragade anale è una ulcerazione che può aprirsi nella pelle che riveste il canale anale. Si presenta in entrambi i sessi, con incidenza pressochè uguale, e predilige i giovani adulti. Le ragadi acute in gran parte cicatrizzano senza la necessità di alcun intervento terapeutico, ma in una percentuale di casi evolvono verso una forma cronica e tendono a non guarire più spontaneamente. I sintomi tipici sono il dolore postdefecatorio, che può essere molto intenso e durare per ore, la presenza di macchie di sangue di colore rosso vivo sulla carta igienica ed il prurito. La maggioranza delle ragadi si localizza a livello della linea media posteriore del canale anale, anche se nel 10% circa dei casi nelle donne, e nell’1% circa negli uomini, la sede può essere la linea media anteriore. La localizzazione prevalentemente posteriore è verosimilmente dovuta alla più povera vascolarizzazione arteriosa della commessura anale posteriore che, associata all’ipertono sfinteriale, provoca un’ischemia e la successiva ulcerazione dell’area. La componente dovuta all’ipertono sfinteriale, tuttavia, non è costante, la qual cosa può avere importanti implicazioni nell’indicazione al trattamento chirurgico della ragade. Lo sfintere anale interno, che riceve un’innervazione simpatica attraverso i nervi ipogastrici, si trova, in condizioni normali, in uno stato di parziale contrazione, e si rilassa in risposta alla distensione dell’ampolla rettale nel cosiddetto riflesso rettosfinterico. I valori normali di pressione a riposo del sistema sfinteriale anale variano a seconda della strumentazione e della tecnica impiegate, ma generalmente sono compresi tra 60 ed 80 mm Hg (in media 72 mm Hg), con pressioni significativamente maggiori nel sesso maschile rispetto al femminile. Da sempre, la terapia della ragade anale ha come fondamento la riduzione della pressione dello sfintere anale interno per favorire l’aumento flusso arterioso e promuovere la cicatrizzazione della ragade. Tali risultati, ottenuti inizialmente con l’intervento chirurgico di sfinterotomia laterale interna (SLI), sono oggi conseguibili con l’applicazione locale di farmaci (sfinterotomia chimica); ed è in tale direzione che l’uso della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale gioca un ruolo di primo piano. La tossina botulinica nel trattamento della ragade anale La tossina botulinica è una neurotossina di natura polipeptidica prodotta dal Clostridium botulinum, un batterio Gram + sporigeno della famiglia delle Clostridiaceae le cui spore si ritrovano nel suolo e nei vegetali (ed in effetti una delle principali cause di intossicazione da C. botulinum è l’ingestione di alimenti contaminati e n on ben cotti o di conserve, specie quelle preparate in casa, all’interno delle quali il batterio ha avuto modo di svilupparsi). La tossina botulinica è la più potente sostanza tossica ad oggi nota: 75 ng di tossina pura sono in grado di uccidere un uomo del peso di 75 kg1. Il meccanismo d’azione della tossina botulinica si esplica a livello delle sinapsi, dove la tossina inibisce il rilascio di acetilcolina provocando la paralisi flaccida dei muscoli da esse serviti. Le manifestazioni cliniche dell’intossicazione comprendono  paralisi flaccida, debolezza muscolare, diplopia, difficoltà del movimento, scoordinazione dei muscoli della faringe e dei muscoli volontari; la morte sopravviene per paralisi dei muscoli respiratori2. Esistono sette tipi di tossina botulinica, contrassegnati con lettere dalla A alla G. La tossina botulinica di tipo A è da decenni usata in cinica per il trattamento degli spasmi e delle distonie, tra cui la distonia cervicale o torcicollo spastico, il blefarospasmo, l’iperidrosi ascellare primitiva severa, lo strabismo. In medicina estetica, la tossina botulinica è ampiamente usata per il trattamento delle rughe del volto e del collo. L’uso della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale è stato riportato per la prima volta nel 1993 da W. Jost e coll. Da allora, gli studi sull’efficacia, tanto dal punto di vista del costo globale, che del risultato, che delle complicanze post-trattamento rispetto alla terapia medica locale con donatori di NO (ossido di azoto) ed alla chirurgia (sfinterotomia laterale interna) si sono moltiplicati, ed hanno condotto alcuni Autori ad affermare che l’introduzione della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale è paragonabile all’introduzione della laparoscopia in chirurgia. I dati principali possono essere così riassunti: l’efficacia del trattamento è dose-dipendente e sede-dipendente (ad un lato, od ad entrambi i lati, della ragade, od in linea media anteriore, tenendo conto che la maggioranza delle ragadi si manifesta in linea media posteriore), anche se, a tutt’oggi, non esiste un consenso unanime sulla sede e sulla dose dell’iniezione; la sfinterotomia resta il gold standard per il trattamento della ragade a lungo termine (75,4% di cicatrizzazione della ragade con la tossina botulinica a 12 mesi contro il 94% della sfinterotomia); tuttavia, la sfinterotomia è gravata da una percentuale di complicanze gravi significativamente molto superiore rispetto al trattamento con tossina botulinica (8 casi – 16% del totale – di incontinenza anale nei pazienti sottoposti a sfinterotomia vs. nessuno nei pazienti sottoposti a trattamento con tossina botulinica in uno studio pubblicato nel 2003 dalla rivista Diseases of the Colon & Rectum); in un recente studio, l’utilizzo della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale ha mostrato un’efficacia superiore in termini di sicurezza (complicanze globali ed incontinenza anale) rispetto alla sfinterotomia anale interna; il trattamento con tossina botulinica è ben tollerato, si esegue ambulatorialmente, è molto efficace ed ha un’incidenza di complicanze molto contenuta; è probabilmente più indicato nei pazienti anziani, con maggior rischio di sviluppare una incontinenza anale se sottoposti a sfinterotomia, mentre l’intervento chirurgico resta l’opzione migliore nei giovani adulti con buon tono sfinteriale: in tale direzione, uno studio pubblicato sul British Journal of Surgery nel 2008 ha suggerito l’uso della tossina botulinica come test predittivo per una possibile incontinenza anale postchirurgica nei pazienti in cui l’iniezione intrasfinteriale di tossina provoca una incontinenza transitoria. La nostra esperienza con la tossina botulinica nel trattamento della ragade anale Tra il 2009 ed il 2015 abbiamo sottoposto 63 pazienti con diagnosi di ragade anale cronica a trattamento con tossina botulinica. L’età media dei pazienti è stata di 62 anni (48 – 83 anni) ed il criterio di inclusione è stato il fallimento della terapia medica con donatori di NO. A tutti i pazienti sono state misurate le  pressioni a riposo del sistema sfinteriale anale prima del trattamento ed a due mesi da esso, ottenendo i seguenti risultati: P pre-trattamento: 83,15 (75,08 – 89,21) mm Hg P a 2 mesi dall’infiltrazione: 61,04 (46,01 – 71,06) In tutti i casi, è stata somministrata un’anestesia locale pre-infiltrazione mediante applicazione, 30 minuti prima delle iniezioni, di una crema a base di lidocaina e prilocaina (Emla 2,5% + 2,5% crema). La procedura, in tutti i casi ben tollerata, è consistita nella somministrazione di 30 unità Allergan di tossina, così suddivise: 10 U ad entrambi i lati della ragade, a circa 1 cm dalla stessa; e 10 U nella commessura controaterale alla ragade. L’effetto terapeutico, in termini di inizio della remissione della sintomatologia dolorosa, ha cominciato a manifestarsi circa 48 ore dopo la somministrazione di tossina botulinica. A 30 giorni dalla somministrazione, la remissione completa della sintomatologia, associata ad una cicatrizzazione completa od avanxata della ragade, è stata osservata in 41 pazienti (65,07%). I restanti 22 pazienti sono stati sottoposti ad una nuova procedura infiltrativa di 50 U Allergan di tossina (17 U ad entrambi i lati della ragade e 16 U nella commessura controlaterale. A 60 giorni dalla prima somministrazione, la cicatrizzazione completa della ragade è stata osservata in 47 pazienti, pari al 74,60% del totale dei pazienti sottoposti al trattamento. Pertanto, 6 pazienti (12% del totale, 27,27% dei non responders dopo la prima somministrazione) hanno tratto beneficio dalla seconda dose di tossina botulinica. Dei restanti 16 pazienti, 13 sono stati sottoposti ad intervento chirurgico, mentre 3 sono sfuggiti al follow up. Dei 13 pazienti operati, 12 (92,30%) sono andati incontro a guarigione; 1 di essi (8,33%), al follow up, ha mostrato un persistente grado di incontinenza anale, con valori pressori, ai controlli manometrici a 6 e 12 mesi, stabilmente inferiori a 38 mm Hg. Nessuna complicanza è stata osservata nei pazienti sottoposti a trattamento con tossina botulinica. CONCLUSIONI In Italia, la ragade anale rappresenta la seconda più frequente causa di richiesta di visita specialistica proctologica. La sua terapia, da chirurgica – pur restando la sfinterotomia laterale interna il gold standard nel trattamento di questa patologia, essa è gravata da una limitata ma concreta incidenza di complicanze gravi, come l’incontinenza anale – è diventata ormai prevalentemente medica, grazie allo sviluppo di farmaci in grado di indurre il rilassamento delle fibre muscolari del sistema sfinteriale anale. Tra di essi, la tossina botulinica gioca un ruolo di primo piano per l’intensità e la durata del rilassamento che è in grado di indurre. Oggi esiste, nella Comunità Medica, un consenso crescente verso l’uso della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale, e sta facendosi strada il suo uso come test per predire il rischio di insorgenza di incontinenza anale dopo intervento chirurgico. Nonostante ciò, e nonostante la mole di dati che nel tempo hanno dimostrato l’efficacia e la sicurezza della tossina botulinica nel trattamento della ragade anale, tale indicazione è a tutt’oggi off-label, ed il trattamento non è disponibile negli ospedali del Servizio Sanitario Nazionale. (1) Diane O. Fleming, Debra Long Hunt: Biological Safety: principles and practice. ASM Press, 2000, p. 267 (2) Giampietro Schiavo, Ornella Rossetto e Cesare Montecucco: Le basi molecolari del tetano e del botulismo. Le Scienze (Scientific American) 1993;304:40-44 [...]
Feb. 9, 2016botox / Anal Ragade / botulinum toxinBotulinum toxin and anal fissure Our new video clip is dedicated to the treatment of anal fissure with botulinum toxin. BoTox has been used for a few decades in the non-surgical, outpatient treatment of anal fissure. The efficacy is really high, and the side effects are negligible, so much so that it is possible to say that with BoTox it is possible, in effective terms, to achieve a chemical sphincterotomy comparable to surgical sphincterotomy, which is currently the gold standard in the treatment of anal fissure,but it can have post-surgical complications, such as incontinence, that are not observed with BoTox. Botulinum toxin: not in the general public It is worth mentioning, however, that the use of BoTox for the treatment of anal fissure is off label, and therefore not adopted in public health facilities. Our video on botulinum toxin treatment of anal fissure. [youtube https://www.youtube.com/watch?v=lXrv6tg1PEg?version=3&rel=1&fs=1&autohide=2&showsearch=0&showinfo=1&iv_load_policy=1&wmode=transparent&w=672&h=408] Source: coloproctologiatorino [...]
Feb. 9, 2016Anal ramadBotulinum toxin and anal fissure Our new video clip is dedicated to the treatment of anal fissure with botulinum toxin. BoTox has been used for a few decades in the non-surgical, outpatient treatment of anal fissure. The efficacy is really high, and the side effects are negligible, so much so that it is possible to say that with BoTox it is possible, in effective terms, to achieve a chemical sphincterotomy comparable to surgical sphincterotomy, which is currently the gold standard in the treatment of anal fissure,but it can have post-surgical complications, such as incontinence, that are not observed with BoTox. Botulinum toxin: not in the general public It is worth mentioning, however, that the use of BoTox for the treatment of anal fissure is off label, and therefore not adopted in public health facilities. Our video on botulinum toxin treatment of anal fissure. [youtube https://www.youtube.com/watch?v=lXrv6tg1PEg?version=3&rel=1&fs=1&autohide=2&showsearch=0&showinfo=1&iv_load_policy=1&wmode=transparent&w=672&h=408] Source: coloproctologiatorino [...]
Feb. 5, 2016Colon cancer / colorectal cancer / surgery / colon / type II diabetes / early diagnosis / diet / young adults / obesity / rectal bleeding / screening / colon cancer / under 50Although among individuals over the age of 50 the incidence and mortality of colorectal cancer have declined in recent years, thanks largely to screening programs, for reasons still unknown the incidence of this disease in the population under the age of 50 has increased dramatically. In the United States alone, as per epidemiological records, the incidence of colorectal cancer per 100,000 young adults has increased by 1.6 percent in women and 1.5 percent in men per year between 1992 and 2005; also in the U.S., the number of new cases diagnosed each year in the under-50s reaches 13,000. The dramatic fact is the high mortality observed in these patients, mainly due to a delay in diagnosis, for which both patients and physicians are responsible: the former because they often do not understand or underestimate the symptoms, and the latter because they tend not to correlate the symptoms with the disease, in view of the age of the patients: the consequence is that a diagnostic error is recorded in 15-50% of cases, depending on the reports. Doctors have always associated the occurrence of colon cancer at a young age with certain hereditary syndromes, such as Lynch syndrome. However, today we know that in about 75% of cases in these patients the tumor is not correlated with either a hereditary syndrome or any familiarity. On the other hand, it is interesting to note that, in the U.S., the increased incidence over the past 30 years of colon cancer in those under 50 is accompanied, in the same group of patients, by a parallel increase in the incidence of obesity and diabetes. In the same population, an increase in the consumption of sugar-sweetened beverages and a decrease in the intake of milk - rich in calcium, which seems to be a protective factor against colon cancer - was observed during the same period. Other factors, both behavioral and dietary, have also been reported to be associated with early onset of the disease, and among them are increased consumption of industrial meat preparations, alcohol abuse, and poor exercise. However, there is still insufficient data available. Currently, research is underway on possible relationships between the disease and changes in intestinal flora and exposure to environmental toxins and drugs such as statins and antibiotics. What to do, then? Colon cancer is a curable disease when diagnosed early, but the dramatic reduction in the average age of its onset should give both epidemiologists and us clinicians pause for thought. I personally believe that the maximum effort should be produced both in identifying risk factors in young adults and in educating this population group, making them aware of possible early signs of the disease - changes in alvus, bleeding, changes in the appearance of stool... - and, above all, in expanding screening programs, including by implementing new molecular biology techniques, some of which we have discussed in previous articles. "Why Is Colorectal Cancer Targeting the Young?" by Cynthia J. Gordon. Source: Coloproctologatorino [...]
Feb. 5, 2016Colon cancerCOLON CANCER: AN UNDER-50 DISEASE? Although among individuals over the age of 50 the incidence and mortality of colorectal cancer have been declining in recent years, thanks largely to screening programs, for reasons as yet unknown the incidence of this disease in the under-50 population has increased dramatically. In the United States alone, as per epidemiological records, the incidence of colorectal cancer per 100,000 young adults has increased by 1.6 percent in women and 1.5 percent in men per year between 1992 and 2005; also in the U.S., the number of newly diagnosed cases per year in the under-50s reaches 13,000. COLON CANCER UNDER 50: HIGH MORTALITY The dramatic fact is the high mortality observed in these patients, mainly due to a delay in diagnosis, for which both patients and physicians are responsible: the former because they often do not understand or underestimate the symptoms, the latter because they tend not to correlate the symptoms with the pathology, in view of the age of the patients: the consequence is that a diagnostic error is recorded in 15-50% of cases, depending on the reports. Doctors have always associated the occurrence of colon cancer at a young age with certain hereditary syndromes, such as Lynch syndrome. However, today we know that in about 75% of cases in these patients the cancer is not correlated with either a hereditary syndrome or any familiarity. On the other hand, it is interesting to note that, in the U.S., the increased incidence over the past 30 years of colon cancer in those under 50 is accompanied, in the same group of patients, by a parallel increase in the incidence of obesity and diabetes. In the same population, an increase in the consumption of sugar-sweetened beverages and a decrease in the intake of milk - rich in calcium, which seems to be a protective factor against colon cancer - was observed during the same period. Other factors, both behavioral and dietary, associated with early onset of the disease have also been recorded, and among them are increased consumption of industrial meat preparations, alcohol abuse and poor exercise. However, there is still insufficient data available. Currently, research is underway on possible relationships between the disease and changes in intestinal flora and exposure to environmental toxins and drugs such as statins and antibiotics. COLON CANCER UNDER 50: WHAT TO DO? What to do, then? Colon cancer is a treatable disease when diagnosed early, but the dramatic reduction in the average age of its onset should give both epidemiologists and us clinicians pause for thought. I personally believe that maximum effort should be produced both in identifying risk factors in young adults, and in educating this population group, making them aware of possible early signs of the disease - changes in alvus, bleeding, changes in the appearance of stool... - and especially in expanding screening programs, including implementing new molecular biology techniques, some of which we have discussed in previous articles. Source: "Why Is Colorectal Cancer Targeting the Young?" by Cynthia J. Gordon [...]
January 21, 2016ErnieLeón Herszage, Master of all Argentine Abdominal Wall Surgeons and one of the most eminent personalities of 20th-century surgery, died on January 11 in Buenos Aires, where he resided. I had the privilege of attending one of his lectures in Bilbao, in the Basque Country where I was then residing, in 2011. The occasion was the XI Congreso Nacional de Cirugía de la Pared Abdominal sponsored by the Asociación Española de Cirujanos. I was fascinated by his enthusiasm, despite his advanced age, in recounting the story of his professional life. His cultural achievements, discoveries, even his mistakes, and the devotion he still put into his work then. Unfortunately, on that occasion I did not have the good fortune to meet him personally. I did, however, later have the opportunity to experience his courtesy and helpfulness. I wanted to buy his texts on Wall Surgery, and since we were part of the same Scientific Society, the SoHAH (Sociedad Hispanoamericana de Hernia, which published these days this nice memory of him) I took the courage in two hands and sent him an email, asking him where I could find them. He answered me back in a hurry, with that ancient courtesy that we have forgotten and that today is found only in habla española countries. He told me that it would be his pleasure to give them to me as a gift, if I had a chance to stop by his consulting room in Buenos Aires. I hoped to do so; unfortunately, I did not. With León Herszage we lose not only a great Colleague, but a fundamental scientific reference of our profession. With him disappears one of the greatest exponents of that cultural aristocracy that was once (now no longer, evidently because of us...) in Europe, and continues to be today in many Spanish-speaking countries, medical thought. May he rest in peace. [...]
November 27, 2015Anal ramadToday we are talking about fissures. And not because anal fissure is a little-covered topic or unknown to most, no really: you will find thousands of pages to read in Dr. Google's big bag-and among them some of ours on the dedicated page of our website, including our patient brochure. So we are not going to tell you that anal fissure is a tear in the anoderm, nor that it is closely related (among other things) to constipation and pregnancy, or that it is extremely painful at defecation and for hours afterwards, and among the main causes of the "blood stains" that can be seen on toilet paper. We are not going to tell you anything about the "pathophysiology" of anal fissure (the injury that causes spasm of the anal sphincter, which results in decreased blood flow to the injured area, which slows or stops healing altogether, keeping the vicious cycle active in a kind of mythological Uroboros...) - no; nor are we going to talk about the psychological aspects of this pathology, which even patients know very well (the pain is so much and such that one is afraid to go to the bathroom, which aggravates constipation and makes subsequent defecation extremely more painful). Rather, we want to protest the barbaric methods of treatment adopted by many proctologists in Italy. Serial anal dilations are a medieval procedure, painful, barbaric, often ineffective, and poorly accepted by many patients. Why should one agree to let something "in" when the pain at the "outflow" of something else from the same place is excruciating? Really, we can never understand it. The solution to anal fissure is to cause, pharmacologically or surgically, a relaxation of the internal sphincter of the anus: in the former case we speak of "chemical sphincterotomy," in the latter of "sphincterotomy" tout court. If the sphincter relaxes, it resumes blood flow to the anal fissure area, which heals: simple, right? And why induce sphincter relaxation by (painful) dilation if there are topical medications that can accomplish this? And again: why insist on local therapy of an anal fissure that does not heal, if with surgery--simple and perfectly tolerated when performed by skilled hands--the pain disappears in a matter of hours? Many proctologists, in Italy, say the surgery is risky and can cause incontinence. True! you can have incontinence related to gas, which of disappears quickly and without leaving relics; the rates of fecal incontinence are negligible: and all this in front of the patient who, the day after surgery says, "What miracle is this? I have no more pain!" The surgery also cures the psychological aspects of the pathology: these are people who dream about the fissure - with terror - at night; and we, with a surgical procedure that takes less than half an hour, can free them from these nightmares. Think about it before you buy dilators; ask for a second opinion, you will not be disappointed! [...]
November 19, 2015pregnancy and hemorrhoidsProctologists are among the most frequent visitors to obstetrics departments. Proctologic problems in pregnancy, and in particular constipation, hemorrhoids, anal fissures, and pelvic floor dysfunction, are indeed very frequent, and often persist even after sweet expectation. In fact, the peak is reached immediately after childbirth (especially if it was a vaginal delivery), with rates as high as over 30% for hemorrhoids; but the whole pregnancy, and especially the last trimester, can be affected. The reason is simple: just think of the gradual increase in abdominal pressure that occurs during gestation. The baby develops and grows, and with it the uterus, which begins to compress the abdominal organs; constipation appears, which can be aggravated by taking iron supplements, often prescribed by gynecologists. Venous pressure increases, which hinders the outflow of blood from the hemorrhoid pads: which, along with constipation, can cause hemorrhoidal congestion and formation of a mucous prolapse. It is also not uncommon for thrombi, i.e., blood clots, to form within the hemorrhoids: these are usually very painful and often require urgent surgical treatment, which consists of incision of the thrombosed hemorrhoid and removal of the clots. With constipation, then, anal fissure goes hand in hand. Anal fissure is a laceration of the anodermis, caused in most cases by the elimination of hard, dehydrated feces; it is a very painful lesion, especially at the time of defecation, and the pain may persist for hours after that. The mechanism that self-hostages fissures is diabolical: the anodermis is torn, which causes pain that causes spasm of the internal anal sphincter; this results in decreased blood flow to the wound area, which because of this does not tend to heal, and in this way the cycle begins again. Proctologic problems in pregnancy: what treatment? Treatments of proctologic problems in pregnancy are limited by two considerations: the first is that many medications cannot be taken by mothers-to-be; for example, anal fissure therapy involves what is known as chemical sphincterotomy, that is, the local application of ointments that contain active ingredients that cause the release of the internal anal sphincter: these active ingredients are contraindicated in pregnancy. The second consideration is that we try to procrastinate surgical interventions as much as possible, because it is not uncommon that after childbirth the pathological condition is reduced, especially in the case of hemorrhoids: so an acute picture that would seem to indicate urgent intervention, often, a month after childbirth, is resolved with "simple" sessions of elastic ligatures. How to avoid, of course as far as possible, proctological problems in pregnancy? The most important thing is to maintain regular bowel movements: going to the bowels regularly, if possible every day, and with soft stools shelters (within certain limits) the appearance of fissures and hemorrhoidal crises. Fiber supplements can be taken - there are plenty on the market - and it is extremely important to drink a lot (at least a couple of liters of water a day) and enrich the diet with fruits and vegetables. The advice of the coloproctologist is always essential. The appearance of acute and aggravating anal pain should prompt the new mother to urgently consult her trusted coloproctologist, who will know what to do, what to prescribe and, at the limit, whether to indicate urgent surgery. [...]
November 9, 2015dearterizationI am returning to THD, or transanal hemorrhoid dearterization technique (indicated, I remind you, in grade II and III hemorrhoidal prolapse), by posting a video clip of the surgery as seen "by the eyes of the Surgeon"; all thanks to a high-definition micro-camera built into my glasses. You will see the surgery as I see it, as I perform it: nothing better to fully appreciate this ultratechnological technique. I plan to relive other videos of other surgical methods with the same system, because there is nothing better, for a patient, than to understand clearly and by simple means what is being proposed. Happy viewing! Hemorrhoid dearterization "...by the eyes of the Surgeon" [...]

THEY SAY ABOUT US...

In Turin, the surgery of the future is with us.

From R.E.P.A., the minimally invasive endoscopic surgery of diastasis of the rectus, to laparoscopic surgery of inguinal and abdominal hernias, to minimally invasive outpatient treatment of hemorrhoids, to chemical sphincterotomy for anal fissures, to laparoscopic surgery for colon cancer, diverticulitis, obesity, and metabolic syndrome: in Turin, the surgery of the future is with Dr. Salvatore Cuccomarino.